CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.08.2017

Ci sono tanti bivacchi perché i poveri sono sempre di più

Maria Loretta Zilla all’edicola di San Michele FOTO MARCHIORI
Maria Loretta Zilla all’edicola di San Michele FOTO MARCHIORI

Maria Loretta Zilli, 76 anni, pensionata, acquista L’Arena al Caffè Centrale di San Michele Extra e commenta i fatti del giorno.

Choc in corsia, arrestata un’infermiera per aver messo somministrato morfina a un neonato.

Purtroppo non è il primo caso di malasanità, né di infermieri che infieriscono sui pazienti più deboli, magari gli anziani. Quello che colpisce e lascia perplessi ancor di più è che qualcuno riesca a prendersela con un neonato.

Degrado e bivacchi, polizia municipale in prima linea: non c’è tregua quanto a controlli e identificazioni in città.

Leggo spesso di questi “giri di vite”, ma il degrado c’è e rimane. Forse perché i numeri di chi non ha una casa continuano a crescere ed è impossibile, nonostante i controlli e le sanzioni, accoglierli tutti nelle strutture deputate.

Caldo: c’è anche chi è costretto a subirlo davvero tutto perché, magari, lavora all’aperto, come ti operai nei cantieri, gli ambulanti, i benzinai. Che ne pensa?

Dispiace vederli così esposti al solleone. Io stessa cerco di fare la spesa al mattino e poi mi rifugio in casa con l’aria condizionata. In questo periodo devo ridurre anche i lavori di pulizie, perché con queste alte temperature mi costano troppa fatica.

Il prossimo sarà il fine settimana sarà quello del grande esodo e di su strade e autostrade. Per recarsi in vacanza lei di solito organizza una «partenza intelligente»?

Quest’anno sono già stata al mare e fortunatamente non abbiamo trovato traffico, anche perché abbiamo viaggiato in orari favorevoli. In ogni caso eravamo attrezzate con molta acqua nel caso in cui avessimo dovuto restare in coda: quella, in viaggio, non deve mai mancare. E.PAS.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1