Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 19 novembre 2018

Telecamera solo 15 giorni «E ora c’è pieno di rifiuti»

Cassonetti stracolmi di rifiuti in via Pole a San Massimo

Quindici mesi di insistenze per portare una telecamera nei pressi della campana del vetro di via Pole a San Massimo, meta abituale dei turisti dei rifiuti, e dopo appena 15 giorni la sorveglianza è già stata rimossa. La denuncia è del consigliere comunale del Pd Federico Benini, che aggiunge: «Mi domando con che criterio Amia e Comune gestiscono questi strumenti. Appena tolta, la campana del vetro di via Pole è diventata di nuovo ricettacolo di sacchetti dell’immondizia indifferenziata scaricati abusivamente da cittadini poco responsabili, probabilmente di passaggio provenienti da altri Comuni limitrofi. Ricordo che la telecamera era stata piazzata ai primi di agosto». Secondo il consigliere Benini, «Amia si conferma essere un’azienda in forte difficoltà come dimostrano i cassonetti traboccanti in piazza a Chievo. Serve più sorveglianza e cura qui al Chievo come serve in via Pole a San Massimo, in via Pirandello allo Stadio e in via Maldonado in quartiere Catena. Anche il presidente della terza circoscrizione è distratto». E alla fine commenta: «Amia dovrebbe limitare le sponsorizzazioni (ben 500 mila euro nel 2017) e fare un piccolo investimento sulle telecamere per contrastare questi fenomeni: penso che la pulizia della città sia più importante delle bandiere della Serenissima che ha finanziato». • © RIPRODUZIONE RISERVATA