CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.07.2018

«Aziende partecipate nel caos delle poltrone»

La sede dell’Amia
La sede dell’Amia

Tentennamenti e immobilismo. Sono queste le principali accuse che il consigliere di Verona Civica Tommaso Ferrari rivolge all’amministrazione Sboarina, facendo un bilancio del primo anno. «Alcune scelte in tema urbanistico e culturale hanno tagliato i ponti con il passato, ma si accontentano del presente e abdicano a qualsiasi visione di lungo periodo», sostiene Ferrari. «Se da un lato la città sembra sonnecchiare su molti temi, la situazione delle partecipate è di dissennato immobilismo: Agsm senza direttore generale, Agec con direttore generale ad interim, Amia dopo anni di performance quantomeno discutibili (differenziata al 50 per cento) che manca l’elezione del nuovo presidente. Sarebbe il colmo, se, come alcuni chiacchierano, si arrivasse addirittura alla proroga dell’attuale per prendere tempo ed evitare le conseguenze delle beghe da cortile che stanno in questi giorni fratturando la maggioranza», prosegue il consigliere di Verona Civica. « Le priorità della città sono asservite agli “screzi” da poltrona. Tutto questo per scontri politici tra Battiti e Verona Domani che paralizzano la città e le partecipate. Si ripete la stessa triste antifona per la nomina del vicesindaco che Lega e sindaco si strattonano da mesi». «Poi», ricorda, «c’è il capitolo delle deleghe dell’attuale ministro Lorenzo Fontana ancora vacanti. Deleghe alle politiche comunitarie che tanto servirebbero alla città e che, invece, sono terra di nessuno. L’incedere dell’amministrazione è un tentennamento continuo, una navigazione a vista».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1