CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.08.2018

Anziani e studenti ripercorrono la storia

Uno dei cartelloni della mostra
Uno dei cartelloni della mostra

Nel centro residenziale «Leo Cirla» dell’Istituto Assistenza Anziani, si sta concludendo il progetto «Il volto dell’altro», un’attività svolta in collaborazione con la scuola media paritaria «Carlo Perucci» di Marzana. «La proposta di questo progetto intergenerazionale, mi ha entusiasmato fin da subito per le sue potenzialità e perché ha avvicinato giovani ed anziani», spiega Daniela Sambenati, responsabile del centro residenziale. Il progetto ha coinvolto 28 studenti di classe terza, 14 persone anziane residenti nella struttura, due professoresse della scuola, Eleonora Zoppi e Roberta Brambilla, ed il personale della struttura coordinato dalle educatrici Stefania Zampieri e Katia Dalla Gaburro. I ragazzi hanno potuto intervistare gli anziani che hanno avuto esperienza diretta dei fatti della seconda guerra mondiale, o del dopoguerra, per poter calare nella realtà di oggi quelle vicende, quei nomi e quelle date che si studiano sui libri. I ragazzi hanno più volte sottolineato che «i racconti di vita di queste persone li hanno commossi e divertiti». Le foto scattate si concentrano su alcuni particolari che sono rappresentativi della persona (le mani, il lavoro a maglia, una collana, il cappello da alpino e molto altro ancora). Il materiale raccolto è servito per realizzare una piccola mostra all’interno della struttura. Gli studenti hanno, infatti, dedicato un cartellone ad ogni anziano composto da due racconti, uno che descrive l’aspetto fisico e uno relativo ai ricordi di guerra. Sui cartelloni sono state poi poste delle foto scattate insieme a tutti i protagonisti del programma di ricerca. «Questo progetto», spiega Alessandro Cappiotti, presidente dell’Iaa «ha arricchito e aiutato i ragazzi a comprendere meglio quel che succedeva a quei tempi e ha permesso alle persone residenti di narrare un pezzetto della loro storia e di creare l’incontro tra due diverse generazioni». La mostra è stata allestita al centro residenziale «Leo Cirla», in via Scuola Agraria; è aperta al pubblico con ingresso gratuito dalle 10,30 alle 19 fino a metà settembre, quando i ragazzi consegneranno i quadri da loro realizzati agli ospiti coinvolti. Il progetto, anticipa Damiano Ceschi preside delle Perucci, «verrà riproposto anche in futuro per le classi terze». •

S.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1