CHIUDI
CHIUDI

19.01.2019

«Quota 100» scatta
l'assalto a sportelli
Inps e patronati

Inps presa d'assalto per la quota 100
Inps presa d'assalto per la quota 100

Un’irrefrenabile corsa alla pensione ha spinto i veronesi, già dai primi giorni dell’anno, agli sportelli dei patronati di associazioni e sindacati, sia per il lavoro privato che pubblico in particolare Comuni e sanità. La molla che ha fatto scattare il contagioso interesse riguarda l’entrata in vigore della cosiddetta “quota 100”, che consente di salutare in anticipo, rispetto alle previsioni della legge Fornero, uffici e fabbriche, a patto di accontentarsi di assegni mensili più leggeri.

 

Dettaglio che non sembra, tuttavia, preoccupare troppo chi vive in città e provincia. Molti aspiranti si sono riversati ai patronati Inas Cisl e Inca Cgil. Un po’ meno oberati, invece gli operatori del patronato provinciale Uil. Ieri è stata  una giornata campale anche all’Inps per la valanga di richieste di chiarimenti, all’indomani dell’emanazione del decreto che contiene le «Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni», misure già previste nella legge di Stabilità 2019.

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1