venerdì, 12 febbraio 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

18.12.2010

La Grande Mela resta chiusa a Santo Stefano

La Grande Mela rimarrà chiusa nella domenica di Santo Stefano come chiesto dai lavoratori FOTO PECORA
La Grande Mela rimarrà chiusa nella domenica di Santo Stefano come chiesto dai lavoratori FOTO PECORA
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Lugagnano. Hanno vinto i sindacati: domenica 26 dicembre La grande mela rimarrà chiusa. La notizia viene colta con sorpresa, dopo l'esito negativo dell'incontro del 17 novembre, quando Cgil, Cisl e Uil avevano contestato all'amministrazione di Sona la scelta di tenere aperto il centro commerciale nel giorno di Santo Stefano. Nonostante il sindaco Gualtiero Mazzi si fosse dimostrato sensibile alla questione, quel giorno non era stato preso alcun provvedimento effettivo per accontentare i lavoratori, che chiedevano di poter passare le feste in famiglia.
L'accordo fra il Comune e la direzione de La grande mela è arrivato durante una riunione successiva. L'accordo prevede che la chiusura del 26 dicembre verrà compensata con l'apertura di domenica 16 gennaio, giorno in cui si festeggeranno il quindicesimo anniversario del centro e la conclusione del restyling interno.
La decisione è stata formalizzata da un'ordinanza del sindaco. Mazzi ha sottolineato «la valenza sociale della chiusura del giorno successivo al Natale, onde favorire la vita in famiglia dei dipendenti del centro commerciale che, altrimenti, dovrebbero lavorare».
«Questa è una vittoria del sindacato unito», ha commentato Floriano Zanoni della Cgil, «che anche in altri centri della provincia ha saputo porre un freno alle aperture senza limiti. Ora sarà nostra cura attivarci affinché i calendari previsti per il 2011 rispettino le festività. Abbiamo già visto quello interno a La grande mela, che è stato diffuso fra i negozi, e abbiamo riscontrato che è in linea con questa indicazione, eccezion fatta per giovedì 6 gennaio».
Soddisfatto anche Andrea Sabaini della Cisl: «Probabilmente faremo volantinaggio fra i negozi per segnalare l'importanza del risultato ottenuto», afferma, «ma quello a cui tengo di più è che si possa aprire un tavolo di discussione fra istituzioni, parti datoriali, sindacati e associazioni per discutere di questo tema in modo più approfondito».
Sabaini, inoltre, spezza una lancia a favore del servizio di trasporto pubblico urbano, che è stato da poco attivato anche a Lugagnano: «Il lavoro domenicale e festivo sconvolge la routine delle famiglie», spiega, «il fatto che ora si possa raggiungere il centro commerciale in autobus è sicuramente un vantaggio anche per chi ci lavora».
Cesare Ierulli della Uil concorda con le affermazioni degli altri sindacalisti: «Sembrava difficile ottenere la chiusura», commenta, «invece ci siamo riusciti. Questo fa ben sperare anche per il futuro. D'ora in poi tenere aperto durante le festività significherebbe sconfessare quanto concesso quest'anno».

Federica Valbusa
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok