CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.01.2018

Patto di sussidiarietà per Forte Gisella

Forte Gisella in via Mantovana a Santa Lucia
Forte Gisella in via Mantovana a Santa Lucia

Forte Gisella si prepara a rivivere tra eventi culturali e sportivi grazie a un patto di sussidiarietà. «Questo percorso è nato con il mio insediamento e ha già interessato altri spazi pubblici del territorio come l’oratorio della parrocchia di Parona o la sala civica di Ca’ di David», spiega l'assessore al decentramento Marco Padovani, che l’altra sera ha presentato la novità nel consiglio della Quarta circoscrizione. «Ora punta a rendere vivace e usufruibile Forte Gisella, uno dei luoghi con più potenzialità nell’ovest veronese». Collocato in via Mantovana, il manufatto asburgico è stato gestito e tenuto attivo per anni dall'associazione Santa Lucia che, nell’aprile del 2011, ha deciso di chiudere l’attività per mancanza di fondi. Dopo svariate richieste dal territorio, il Comune aveva assegnato le nuove redini alla parrocchia di Santa Lucia Extra, che lo ha avuto in gestione provvisoria fino alla fine del 2016, e fino a oggi «per tacito consenso». Ora la parrocchia, che proseguirà nelle attività del Grest estivo, rappresenterà uno soltanto dei quattro soggetti interessati, insieme alla sezione Artiglieri di Santa Lucia, la mountain bike Golosine e l’Associazione Italiana Cultura e Sport (Aics), con il ruolo di capofila. Precisa Padovani: «Il patto, che verrà formalizzato entro un mese e mezzo dando poi il via libera alla programmazione, prevede che siano le circoscrizioni a fare da filtro, e viene costruito su misura delle singole necessità del territorio». Se per esempio l’altro nuovo accordo di sussidiarietà siglato con gli Alpini di Santa Lucia, che già avevano in gestione il parco Delfino Blu in via Santa Elisabetta, prevede l’apertura della sala alle associazioni del territorio e maggiori interventi di pulizia e controllo, a chi si occuperà del forte viene chiesto in particolare un rendiconto preciso e puntuale sugli introiti e su come verranno reinvestiti. «Trovo che il patto sia innovativo», commenta il presidente in Quarta, Carlo Badalini, evidenziando che la fine della gestione vecchia maniera apre alle progettualità di tutta la comunità e di altre associazioni. «È inoltre interessante che vengano certificate giornate di diritto per il Comune e la circoscrizione. La nostra ne avrà a disposizione una trentina all’anno». La soddisfazione è piena per il consigliere di Battiti, Alberto Padovani, che da tempo premeva verso questa direzione. «Il forte è simile al castello di Montorio ed è indispensabile favorire chi voglia farvi attività. Si sta già pensando a un palco estivo permanente, alle manifestazioni sportive, e a una piastra da ballo per gli anziani. Alcuni sponsor sono pronti a sistemare pavimenti e punti critici». Venerdì nel parlamentino di via Tevere si terrà un consiglio straordinario sulla programmazione culturale per decidere gli eventi fino a dicembre, e ampio spazio sarà dato a Forte Gisella, nuovo polo culturale che suscita grandi aspettative. • C.BAZZ.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1