CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.07.2017

Giancarlo Perbellini
tra i dieci
"super chef" d'Italia

Lo chef Giancarlo Perbellini
Lo chef Giancarlo Perbellini

Ci sono tre chef veneti «stellati» tra i primi 10 ristoranti in Italia con i fatturati più alti, tra cui un veronese. I dati arrivano dalla società di consulenza turistica Jfc, che ha calcolato i bilanci dei ristoranti nazionali con almeno una stella Michelin. Nel 2016 ognuno dei 334 ristoranti stellati italiani ha cucinato in media per 6.318 clienti all'anno, di cui gli italiani sono il 52,6% e gli stranieri il 47,4%. Nella top 10 dei fatturati più alti emerge il Veneto, ma il primo posto è del ristorante Da Vittorio della famiglia Cerea a Brusaporto, in provincia di Bergamo, con un giro d'affari di 15 milioni di euro.

 

Al secondo gradino del podio troviamo il primo veneto: con 11 milioni fatturati nel 2016 c'è Massimiliano Alajmo, che con il fratello Raffaele e famiglia gestisce 10 locali tra cui il ristorante Le Calandre a Sarmeola di Rubano, in provincia di Padova, ma anche il Quadri in Piazza San Marco a Venezia e il Caffè Stern a Parigi. La medaglia di bronzo va invece al più celebre degli chef veneti, Carlo Cracco. Protagonista televisivo con la trasmissione Masterchef, Cracco è originario di Creazzo, in provincia di Vicenza. Dirige tre società che hanno fatturato 7,5 milioni di euro nel 2016: Cracco Investimenti, Hugo 4 e Carlo & Camilla.

 

In quarta posizione nazionale c'è il terzo chef veneto, il veronese Giancarlo Perbellini. Partito da Isola Rizza, nella Bassa veronese, con il ristorante che porta il suo nome, oggi è proprietario di Casa Perbellini a Verona, con 2 stelle Michelin, ed è titolare di diversi ristoranti e di quote in hotel e locali. Nel 2016 la società Colori di Cuoco Srl che fa capo a lui ha fatturato, secondo la classifica di Jfc, 6 milioni di euro.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1