CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.11.2017

Elezioni, firme false
Un anno a Castellini
A giudizio Polato

Luca Castellini e Daniele Polato
Luca Castellini e Daniele Polato

Firme non genuine per la presentazione dei candidati alle Regionali del 2015: il segretario di Forza Nuova, Luca Castellini, ieri al termine del processo celebrato in abbreviato, è stato condannato a un anno dal gup Raffaele Ferraro, Daniele Polato (che aveva autenticato i modelli) affronterà invece il processo che inizierà il 9 gennaio davanti al giudice Musio.

 

La lista di Forza Nuova non venne ammessa alle Regionali del giugno 2015 per mancanza del numero di firme necessarie per la presentazione e in seguito alla richiesta fatta all’anagrafe di Legnago di consegnare le schede elettorali, una dipendente vide il suo nome all’interno della lista di estrema destra. Ma sapeva di non aver mai firmato.

 

Il legale di Castellini, Giovanni Dal Cero, chiedendo l’assoluzione ha evidenziato l’assenza del dolo e l’inoffensività dell’azione visto che la lista non fu ammessa. Di parere contrario il giudice.

«È una vecchia vicenda, molto complessa dal punto di vista giuridico per il duplice intervento sulla norma sanzionatoria dapprima per mano del legislatore che l’ha sostanzialmente depenalizzata e successivamente della corte costituzionale che ha abrogato l’intervento legislativo», il commento del difensore dell’assessore, l’avvocato Davide Adami. «Il mio assistito era in assoluta buona fede e ha spiegato il fatto in ogni dettaglio ai magistrati nel corso dell’interrogatorio. Fra l’altro alla fine (stiamo parlando delle elezioni regionali del 2015, ndr), Forza Nuova non riuscì a raccogliere firme sufficienti e non presentò neppure la lista. Potremo affrontare con serenità il processo per i necessari approfondimenti anche in relazione alla costituzionalità dell’attuale sistema normativo, che sta generando inutili trappole per gli amministratori e sottrae risorse preziose a Procure e Tribunali».

F.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1