CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.12.2018

Da Borgo Roma a...Roma, Coletto giura
da sottosegretario: «Io, uomo normale»

La stretta di mano tra Coletto e il premier Conte
La stretta di mano tra Coletto e il premier Conte

Da Borgo Roma a... Roma. Luca Coletto, assessore regionale alla Sanità, ha giurato questa mattina da sottosegretario alla Salute, alla presenza del premier Giuseppe Conte e del ministro Matteo Salvini. E non nasconde l'emozione: «Poco fa ho giurato nelle mani del Premier Conte in qualità di sottosegretario alla Salute. Con orgoglio e un po' di emozione comincio un nuovo cammino con un solo obbiettivo: dare una mano per garantire agli italiani e ai veneti una sanità sempre migliore». È con queste parole che ha dato la notizia del giuramento sulla sua pagina Facebook.

 

«Non sono un fenomeno, sono una persona normale e cercherò di pensare e fare da persona normale. Credo sia quello che serve alla nostra gente. Grazie a tutti coloro che in questi giorni mi hanno fatto sentire il loro apprezzamento. Grazie al Presidente Zaia per 8 anni di straordinaria esperienza alla guida della sanità Veneta e al Vice Premier Matteo Salvini per la fiducia accordatami».

 

Luca Coletto, 57 anni veronese, sposato e con una figlia, è un leghista della prima ora: entrato a far parte della Lega Nord nel 1995, è stato eletto per la prima volta in consiglio della quinta circoscrizione (Borgo Roma -Ca' di David). Da lì una lunga carriera politica, prima come assessore provinciale all'Ambiente e poi Vice presidente e poi in Consiglio comunale di Verona e infine in Regione dove dal 2010, su indicazione di Flavio Tosi (prima dell'estromissione dal partito nel 2015), diventa assessore alla Sanità. Carica che occupa anche nel successivo mandato Zaia.

 

«All’amico Luca Coletto, per otto anni prezioso alleato nel realizzare una sanità veneta fiore all’occhiello in Italia, auguro buon lavoro. In bocca al lupo. Ad astra per aspera». Così, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, rivolge le sue felicitazioni a Luca Coletto. «Coletto – aggiunge il Governatore del Veneto – porta al Ministero un bagaglio di esperienza non comune, quello di una Regione all’avanguardia in materia di politiche della salute, che sarà molto utile per aiutare a gestire a livello nazionale l’erogazione alla gente di un diritto costituzionalmente riconosciuto, ricercando costantemente il meglio nell’organizzazione delle cure e nella gestione virtuosa delle ingenti risorse economiche necessarie».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1