CHIUDI
CHIUDI

28.11.2017

Bufera sul convegno
degli avvocati
a «Fortezza Europa»

La locandina, Fontana e Rigoli
La locandina, Fontana e Rigoli

Un convegno giovedì sulla legittima difesa al quale l’Ordine forense ha concesso un credito formativo agli avvocati che vi parteciperanno. L’associazione culturale che lo ha organizzato, «Fortezza Europa», termine usato dal Terzo Reich, composta - a Verona perlomeno - anche da ex appartenenti di Forza Nuova e comunque rappresentativa della destra. E un fiume di polemiche perché da più parti si chiede all’Ordine di ritirare il credito.

Cosa che il consiglio forense non farà: «La nostra non è una reazione o falso orgoglio», dice Alessandro Rigoli presidente dell’Ordine, «qui si sta discutendo di un ”marchio” non dell’evento in sé. Noi non siamo strumentalizzati né strumentalizzabili».

Quel credito sta suscitando reazioni da parte di avvocati, rappresentanti della Sinistra e del Movimento Nonviolento. «In questo caso i requisiti per dare il credito c’erano. Accreditare un evento significa riconoscere il contenuto giuridico e non ”dare credito” al soggetto, chiunque esso sia, che lo propone e lo organizza. Senta, prima di due giorni fa non conoscevo Fortezza Europa che non è ”segnalata” o fuorilegge.

Il Consiglio ha valutato un evento, la presentazione di un libro ( «Per una legittima difesa», ovvero la presentazione del libro scritto da Nicolò e Marco Petrali, giornalista e avvocato, figli del tabaccaio milanese che nel 2003 uccise uno dei due rapinatori che fecero irruzione nel suo negozio, ndr), con i saluti di un europarlamentare, nella sala di una partecipata del Comune... Non è un contesto borderline. E comunque il Consiglio non fa politica, abbiamo organizzato convegni con esponenti e parlamentari del Pd e nessuno ha mai avuto nulla da obiettare. Ripeto, accreditare non vuol dire ”dare credito” a qualcuno».

 

I SALUTI ISTITUZIONALI

I saluti saranno del vice presidente del Consiglio comunale, l’europarlamentare della Lega Lorenzo Fontana e dei due consiglieri Bacciga (Battiti) e Comencini (Lega), l’introduzione è affidata a Emanuele Tesauro, presidente di «Fortezza Europa», mentre l’incontro sarà moderato da Andrea Bacciga (portavoce di Gentes, altra associazione culturale), lo stesso consigliere autore di una mozione contro il ddl sullo ius soli che propone censure agli insegnanti e che con il primo compenso (300 euro) ha acquistato libri riferibili all’estrema destra e li ha regalati alla Biblioteca.

Critiche anche all’amministrazione. «Chiedo all'Ater di revocare la sala, all'Ordine di revocare l'appoggio e al sindaco di Verona di dissociarsi e prendere pubblica posizione», le richieste di Mao Valpiana che, ritenendo l’incontro «contro la Democrazia», invita il Questore a «negare l’agibilità politica».

 

IL PARLAMENTARE: VIA IL CREDITO

«L’ Ordine degli Avvocati di Verona ritiri subito la possibilità di acquisire un credito formativo all’incontro». Così il portavoce alla Camera per il M5S Mattia Fantinati. «Non tanto per la vicenda che ha suscitato un forte dibattito nel Paese riguardante Giovanni Petrali, che sarà tema dell’incontro ma in quanto organizzato da Fortezza Europa (termine usato proprio dal Terzo Reich durante la seconda guerra mondiale per indicare l’Europa continentale)». 

F.M.
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1