CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.08.2017

Marciapiede pericoloso Ora verrà sistemato

Il rischio cadute sul marciapiede di via Montorio sarà presto azzerato. Il camminamento ridotto in pessimo stato tra l’angolo di via Caliari e quello di via Botta, dove era rovinata a terra una signora, da ieri è al centro di una completa risistemazione.

Entro venerdì gli operai completeranno gli interventi, restituendo ai residenti un percorso pedonale agevole, più sicuro e adeguato alle esigenze dei numerosi anziani che lo percorrono quotidianamente.

Alle parecchie segnalazioni dei residenti e dei negozianti della zona, che hanno contattato gli uffici di Palazzo Barbieri per reclamare un immediato rifacimento del manto del marciapiede, si sono unite anche quelle degli ospiti della casa di riposto Le Betulle che si trova propria nella vicina via Cotta.

«Molti anziani hanno avuto più di un problema durante le loro passeggiate nella zona, vista la situazione fortemente deteriorata del marciapiede», fa notare l'assessore alle strade, Marco Padovani. «La spesa per rimettere in sesto il camminamento è di circa ottomila euro, di certo ben spesi per soddisfare i numerosi cittadini che frequentano ogni giorno la strada per Montorio».

Intanto sono iniziati anche i lavori di ripristino della pavimentazione in porfido in via Fontanelle Santo Stefano, per riportare il manto stradale com’era originariamente, prima degli interventi di scavo dello scorso anno.

Per la tutta la durata dei lavori, circa una decina di giorni, verrà istituito il divieto di sosta in ambo i lati via via interessati all’intervento di ripristino e il relativo divieto di transito per mettere in sicurezza il tratto interessato all’opera di sistemazione stradale. C.BAZ.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1