CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.05.2017

Progetto Linfedema
La Lilt in aiuto ai malati

Un ciclo gratuito di trattamenti per il linfedema, un servizio in più ai pazienti che non hanno mezzi o non possono aspettare troppo tempo per la terapia in altre strutture. Il Progetto Linfedema della sezione veronese della Lilt, la Lega italiana lotta al tumore, iniziato a metà dicembre dell’anno scorso, con il supporto di Fondazione Cattolica Assicurazioni, è diventato già un prezioso alleato per il benessere di tanti malati.

Il linfedema è una patologia benigna ma cronica e invalidante. Ne esistono due principali forme, quella dovuta ad una malformazione di vasi del sistema linfatico e un’altra che si può sviluppare dopo l’asportazione dei linfonodi, in seguito a un intervento di chirurgia oncologica. Colpisce soprattutto le donne operate di tumore al seno o di tumori uro-ginecologici con una percentuale di una su dieci ma può insorgere anche negli uomini che hanno fatto la radioterapia dopo un tumore prostatico. La Lilt si rivolge a quest’ultima categoria di pazienti.

La patologia si tiene sotto controllo con sedute di linfodrenaggio eseguite nelle strutture pubbliche solo nel periodo successivo all’intervento mentre il mantenimento, quasi sempre necessario, si deve fare privatamente. Nel nuovo ambulatorio della Lilt i pazienti hanno accesso alle prestazioni di un fisioterapista professionista e possono proseguire il percorso iniziato in ospedale. Chi è interessato può contattare la sede Lilt, in via Isonzo 16, in Borgo Trento, allo 045.8303675 oppure al 334.5216814, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30.

«Non vogliamo sostituirci alla Sanità pubblica», precisa il direttore sanitario di Lilt Verona, il dottor Paolo Pietrarota, «ma offrire un servizio aggiuntivo per agevolare le persone che soffrono di questo problema che può comparire anche a quattro anni di distanza dall’intervento chirurgico, riducendo la funzionalità degli arti, causando dolore, infezioni ricorrenti e alterazioni cutanee».

Lilt Verona, il cui vicepresidente e socio fondatore è la dottoressa Maria Dal Mas, da anni è impegnata a offrire viste ed esami per la prevenzione dei tumori nelle aree di senologia, dermatologia, urologia e patologie colon rettali.E.CARD.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1