CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.11.2018

Furti in serie nelle abitazioni di via Rovereto

Un tratto di via Rovereto. Nei giorni scorsi la strada di Borgo Trento è stata presa di mira dai ladri
Un tratto di via Rovereto. Nei giorni scorsi la strada di Borgo Trento è stata presa di mira dai ladri

Furti in serie in alcuni appartamenti di Borgo Trento. Negli ultimi giorni i condomini di via Rovereto sono stati presi di mira più volte da ladruncoli e malviventi, a caccia principalmente di oro. Molto simile il modus operandi: i colpi vengono messi a segno tra il tardo pomeriggio e la sera, intorno alle 19. Un orario inusuale, perché nonostante il buio a quell’ora sia ormai già calato sulla città, nelle vie residenziali c’è ancora parecchio movimento. Chi torna dal lavoro, chi va in palestra, chi prepara la cena. Incuranti del pericolo di essere sorpresi e catturati, nei giorni scorsi, questi malviventi hanno comunque cercato di infiltrarsi nelle abitazioni di via Rovereto, anche più volte nelle stesse case, arrampicandosi sulle grondaie e forzando le porte finestre per entrare negli appartamenti. LA FIGLIA. È accaduto a una residente di via Rovereto, Linda Golinelli, e persino alla madre, che abita a qualche numero civico di distanza. «Io vivo al secondo piano di un palazzo. Ieri sera (sabato, ndr) erano circa le 19, quando qualcuno è entrato in casa mia», racconta la Golinelli. «Sono saliti sul balcone, probabilmente arrampicandosi lungo la grondaia, e poi utilizzando un piede di porco hanno forzato una delle finestre che si affacciano sul terrazzo e sono entrati. Hanno passato al setaccio tutte le stanze e hanno portato via solamente gli oggetti d’oro, anelli, collanine, braccialetti, tralasciando tutto il resto. In casa c’era persino il mio cane, che ovviamente si è spaventato moltissimo». LA MADRE. Non paghi, dopo aver depredato quell’appartamento, ne hanno passati in rassegna anche altri, a cominciare da quello della madre della Golinella. «Anche lei non si trovava in casa a quell’ora e quando è rientrata, si è trovata davanti la brutta sorpresa», racconta. «Anche in questo caso si sono arrampicati fino al secondo piano tramite la grondaia e hanno aperto la finestra del bagno, da cui sono entrati in casa», prosegue la donna. «Hanno cercato nelle varie stanze, facendo anche selezione e portando via solamente i gioielli d’oro, tralasciando quelli d’argento. Hanno rubato persino la fede di mia mamma, un oggetto dal grandissimo valore affettivo». Perché è proprio questo che lascia il segno. «Non si tratta tanto del furto, ma del fatto che queste persone rovistano dappertutto: è una brutta sensazione, perché ci si sente violati». IL VICINO. Dopo essere stati in queste due case, i malviventi hanno provato a entrare in una terza abitazione, un appartamento al primo piano, nella casa di fronte, dove peraltro erano già stati una decina di giorni fa. A quel punto qualcuno aveva già avvisato la polizia, che si è precipitata sul posto, ma i ladri, avvertendo il pericolo, sono scappati via. «Mentre scappavano, uno di loro ha dato un calcio al proprietario dell’appartamento che ha provato a fermarlo», racconta la vicina. «Sul posto è arrivata anche l’ambulanza per medicarlo. Fortunatamente non si è trattato di nulla di grave, ma ora temiamo che nei prossimi giorni possano tornare ancora una volta». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Manuela Trevisani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1