CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.09.2017

Rissa sull’autobus
Passeggero si alza
e ferma i due rivali

Un frame del video (da larena.it)
Un frame del video (da larena.it)

Una maglietta verde, i sandali, i sacchetti della spesa e tanto coraggio. Resta sconosciuta l’identità del passeggero di un bus Atv che ha fermato una rissa fra due persone in zona Stadio: il video pubblicato da larena.it è stato visualizzato e condiviso migliaia di volte, mentre l’azienda mette l’accento ancora una volta sul problema sicurezza e annuncia un aumento dei vigilantes sugli autobus.

LE MANI IN FACCIA. È accaduto martedì pomeriggio in zona stadio. Nel video si vede un alterco fra due persone, all’apparenza entrambe straniere, che si fa sempre più acceso, fino a quando uno prende per il collo l’altro e cominciano a picchiarsi in mezzo all’autobus affollato. Alcuni degli altri passeggeri chiedono di smetterla ma non hanno il coraggio di intervenire, quando a un certo punto si alza dal suo posto un uomo particolarmente corpulento, che si frappone fisicamente fra i due, urlando più volte «basta» e rischiando di prenderle a sua volta. Alla fine entrambi i contendenti scendono dal bus fermo alla fermata, uno dal centro e l’altro davanti, inseguendo il primo: forse per terminare quello che aveva cominciato.

«SIAMO SOLI». «Da mercoledì, giorno di inizio delle scuole, le guardie giurate distribuite sui vari mezzi», spiega il direttore di Atv Stefano Zaninelli, «aumenteranno da cinque a venti, aggiungendosi al nostro personale». «Ma», attacca, «non si può lasciare sola l’azienda sul grave problema sicurezza, con personaggi come questi che girano per la città».

Riccardo Verzè
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1