Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 19 novembre 2018

Libri gratis per Nicolas Il papà le pensa tutte

La Giacinta, la nonna di Nicolas - scrive la Olga - mi ha detto che si aspettava che il governo di Gianni e Pinotto, come lei chiama Salvini e Di Maio, visto che si dichiara vicino al popolo, invece di tante ciàcole, intervenisse almeno per dare un taglio ai prezzi dei libri che invece continuano ad aumentare. La Giacinta mi ha spiegato che quest’anno «el pare de Nicolas, che, come tanti italiani, è sconosciuto al Fisco perché non paga le tasse e quindi risulta indigente, credeva di pagare i libri del fioléto con l’assegno del reddito di cittadinanza per il quale aveva fatto domanda subito dopo le elezioni allegando una foto in cui lui e la famiglia apparivano tutti strassonà perché per l’occasione avevano rubato gli abiti agli spaentapàssare. Non essendo arrivato l’assegno, adesso el pare di Nicolas ha fatto domanda per avere i libri in comodato d’uso. Ho chiesto alla Giacinta cosa vuol dire. «Vol dir - mi ha spiegato - che te vè a tórli in qualche posto a gratis, te i usi par tuto l’ano, te ghe fè le réce, te ghe stranùsi insìma tute le òlte che te vien da stranusàr, te i s-crimàci, te i tóchi co’ le mane ónte e dopo te ghe i dè de ritorno, così l’ano dopo i pol dàrgheli a qualcun altro». Le ho fatto presente che ci sono anche i mercatini dei libri usati. «El pare de Nicolas el le sa e l’an passà l’à proà - mi ha risposto - ma no se sa mai cosa te ghe trovi rénto. Pensa, Olga, che el me neodìn l’à ciapà ’na nota dalla profe parché, passando tra i banchi, la g’à visto ne ’na pagina ’na specie de canón co’ le rue, uno de quei scrimàci sporcacióni che te vedi anca sui muri, insoma. Lu no’l ghe c’entràa gnente, pòro fiól, ma la profe la l’à castigà istesso». Ho detto alla Giacinta che, trattandosi della scuola dell’obbligo, i libri dovrebbero essere gratuiti per tutti come succede in molti Paesi. «El pare de Nicolas el le sa - mi ha risposto - tanto che st’ano, visto che no gh’è rivà el rèdito de citadinansa, el voléa mandarlo a scola a Cipro dove, oltre ai libri, i te dà gratis anca le merendine, ma l’è sta un discorso butà lì». Però ho ricordato alla Giacinta che, risultando el pare di Nicolas indigente, può fare domanda per avere i libri gratis. «El podarìa - mi ha risposto - ma siccome el gira con la Porsche, no se sa mai che qualchedùn el ghe fàga la spia». • © RIPRODUZIONE RISERVATA