Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 novembre 2018

Territori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

21.01.2017

Bus contro pilone
prende fuoco
Morti 16 giovani

È salito a 16 il numero dei morti accertati nell’incidente che ieri sera verso le 23 ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L’incidente si è verificato all’altezza dello svincolo di verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattete lateralmente contro il pilone del ponte incendiandosi.

 

A bordo del mezzo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni, di ritorno dalla Francia. L’autostrada A4 è ancora chiusa tra Verona Est e Verona Sud in direzione Venezia perchè devono essere ultimate le verifiche tecniche sulla stabilità del ponte contro il cui pilone il pullman si è schiantato ieri sera. Davanti ai vigili del fuoco accorsi per primi sul posto sono apparse delle scene raccapriccianti: alcuni dei ragazzi erano stati sbalzati fuori dal mezzo e i superstiti erano molto scossi e scioccati.

 

LA TESTIMONIANZA. Tra i tanti automobilisti e camionisti rimasti bloccati per ore sulla Serenissima c'era anche Lanfranco Fossà. «Ho parlato con diversi ragazzi, ho contattato le loro famiglie con il mio cellulare», dice l'export manager che viaggiava sulla A4. «Avevano molte escoriazioni, ho visto tagli al volto e alle braccia. Mi hanno raccontato un po’ la dinamica ma erano molto scioccati, spaventati e infreddoliti. Io ho dato una mano alla polizia con la traduzione. Non sapevo come altro aiutare. Tutti sono saltati fuori dai finestrini: diversi ragazzi erano in maniche corte e abbiamo cercato di coprirli come potevamo. Io avevo due camice ed una coperta, c’è chi si è tolto la felpa. Era una brutta scena: gente che piangeva, qualcuno si disperava».

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1