CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.08.2018

West Nile, quarto caso in città Contagiata una donna incinta

Una zanzara «Culex»: a Legnago è stata infettata una trentenne in gravidanza
Una zanzara «Culex»: a Legnago è stata infettata una trentenne in gravidanza

Il virus «West Nile» non dà tregua a Legnago. In città è stato infatti registrato il quarto caso di febbre del «Nilo occidentale» nell'arco di una decina di giorni. Ad essere colpita dalla malattia, trasmessa dalla zanzara «Culex», questa volta è stata una trentenne che vive alla periferia di Porto ed è in attesa di un bambino. La giovane donna incinta, difatti, ha manifestato i classici sintomi della patologia, ovvero febbre alta e mal di testa. La futura mamma, quindi, si è sottoposta ad un accertamento all'ospedale «Mater salutis» dove le è stata diagnosticata la malattia infettiva, fortunatamente in una forma non grave, visto che la trentenne potrà curarsi a casa propria. Il nuovo caso di contagio è avvenuto a poca distanza da via Savinaro, dove, nei giorni scorsi, si è registrato il primo residente contagiato dalla «West Nile». La lista delle persone che hanno contratto il virus all'ombra del Torrione è completata da un pensionato di Vangadizza e da una 51enne, residente a Roverchiara ma domiciliata a Terranegra. Proprio in conseguenza degli ultimi tre casi di contagio comunicati dall'Ulss 9 Scaligera, il Comune, che nei giorni scorsi era intervenuto con una disinfestazione straordinaria in via Savinaro, ha deciso di programmare un'operazione «anti-zanzare» in contemporanea nelle aree dove sono stati individuati i nuovi focolai. L'intervento interesserà un'area di 500 metri attorno alle abitazioni delle persone contagiate, dove vivono complessivamente 600 famiglie. La prima fase riguarderà un trattamento adulticida, che si svolgerà dalle 22 di stasera alle tre di sabato 25 agosto e verrà eseguito da una ditta specializzata alla periferia di Porto, a Vangadizza e a Terranegra. A queste zone se ne aggiungerà una quarta, quella del campo sportivo di Porto, frequentata quotidianamente da una delle persone contagiate dal virus. Questa parte di disinfestazione riguarderà in particolare le aree stradali nel raggio di 200 metri dai focolai del virus. Per questo motivo, il sindaco Clara Scapin, attraverso un'ordinanza, ha imposto ai residenti di questi quartieri di tenere chiuse le finestre durante l'operazione, avendo cura di tenere al riparo nelle abitazioni gli animali domestici e di raccogliere frutta e verdura prima del trattamento. Successivamente si passerà alla disinfestazione «larvicida», che verrà effettuata attraverso la distribuzione gratuita alle famiglie che ricadono entro i 500 metri di distanza dai luoghi del contagio di speciali compresse insetticide da utilizzare nelle proprietà private. Il Comune comunicherà le modalità con cui verranno messe a disposizione tali pastiglie ai nuclei interessati dalle zone dove si è verificato il contagio. Un trattamento anti-zanzare sarà previsto, per mercoledì 29 agosto, anche all'interno della caserna «Briscese», sede dell'Ottavo Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore. Il sindaco Scapin assicura: «Assieme all'Ulss 9 Scaligera stiamo monitorando costantemente la situazione. Anche il nuovo caso di contagio, per fortuna, rientra in quel 20 per cento di persone che manifestano febbre e spossatezza, ma che non sono assolutamente in pericolo di vita. Ad ogni nuovo caso avviamo la disinfestazione speciale. Tale operazione non può essere fatta indistintamente su tutto il territorio cittadino, poiché vengono comunque impiegate sostanze chimiche che, in quantità elevate, possono avere ripercussioni sulle persone e l'ambiente». Anche il vicino paese di Angiari, non interessato per il momento dal contagio, ha avviato una disinfestazione anti-zanzare. Gli interventi, previsti per oggi, dalle 5 alle 8, hanno interessato soprattutto i parchi pubblici del centro di destra Adige. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1