CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.04.2018

Velocità ridotta a 30 km orari Viale dei caduti sarà più sicuro

L’incidente accaduto lo scorso maggio in viale dei Caduti L’auto finita contro un negozio del viale  nel gennaio del 2017
L’incidente accaduto lo scorso maggio in viale dei Caduti L’auto finita contro un negozio del viale nel gennaio del 2017

Istituire una «Zona 30» in viale dei Caduti a Legnago. Con l’obiettivo di prevenire gli incidenti stradali e di garantire la sicurezza, e quindi l’incolumità, di residenti, pedoni ed esercenti. È la soluzione a cui la Giunta del sindaco Clara Scapin sta lavorando per ridurre la velocità dei veicoli che, ogni giorno, sfrecciano lungo la centralissima strada che unisce via XXIV Maggio con via Frattini, attraversando un'area molto popolata dove si affacciano diversi negozi, il municipio e il teatro Salieri. Dei provvedimenti, reclamati da anni dagli abitanti che invocano una messa in sicurezza efficace, si è discusso nell’ultimo consiglio comunale. A risollevare le proteste dei residenti della via, che periodicamente sollecitano Palazzo de' Stefani a risolvere il problema, nonché i disagi degli automobilisti che transitano per l'incrocio con via XX Settembre, è stata un'interpellanza di Roberto Danieli, consigliere di Centrodestra Legnago. L'esponente di minoranza ha chiesto delucidazioni alla Giunta dopo che all'intersezione in questione si è verificato l'ennesimo incidente che ha coinvolto due auto, provocando anche feriti. «Questo», ha evidenziato Danieli, «è solo l'ultimo delle decine di scontri verificatisi in quest'incrocio. La pericolosità di questo punto è ormai ben nota a tutti ed è causata dalla velocità sostenuta delle auto provenienti da viale dei Caduti, oltre che dalla scarsa visibilità dovuta alle automobili parcheggiate sulla stessa via». Per questo motivo il consigliere, oltre a chiedere all'assessore ai Lavori pubblici Claudio Marconi «di redigere uno studio per mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali con isole salvagente realizzate lungo una fascia spartitraffico», ha chiesto pure «che il progetto esecutivo preveda la posa di restringimenti stradali». I quali, da sempre, «sono riconosciuti come una delle misure più efficaci e di minor costo per contenere la velocità». Oltre a ciò, Danieli ha suggerito all'esecutivo di prevedere una «Zona 30», per almeno 300 metri, tra il teatro Salieri e l'incrocio tra viale dei Caduti e via Frattini, in cui i veicoli, per l’appunto, non potranno superare la velocità dei 30 chilometri orari». Secondo il consigliere, difatti, «in aree come questa è d'obbligo limitare la velocità, con un notevole aumento della sicurezza ed un risparmio delle emissioni dei gas di scarico dal 10 al 30 per cento». Dal canto suo, l'assessore Marconi ha accolto i suggerimenti di Danieli: «Condivido lo spirito dell'interpellanza. Nel corso degli anni, da parte delle varie amministrazioni, sono stati fatti interventi migliorativi. I quali, tuttavia, ancora non hanno raggiunto il risultato sperato di evitare gli incidenti o, quanto meno, di ridurli in maniera significativa». Quindi, ha concluso: «Nel piano delle opere pubbliche è compreso anche l'intervento di messa in sicurezza dell'incrocio di viale dei Caduti con l’innalzamento dei passaggi pedonali. Naturalmente ci riserviamo di aggiungere l'istituzione della Zona 30». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1