CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.02.2018

Un 76enne trovato senza vita in casa Era morto da giorni

Stefano Nicoli I vigili del fuoco di Legnago, allertati dalla polizia locale del distretto «Basso Adige, l’hanno trovato, ieri pomeriggio, riverso supino sul pavimento del suo appartamento di Casette. Ma per Alessandro Giuseppe Avanzini, un pensionato di 76 anni che viveva solo al quarto piano di un palazzo popolare di via Fioroni, non c’era più nulla da fare. L’anziano, rinvenuto in una pozza di sangue dopo aver sfondato la porta, era già morto da almeno quattro giorni e il corpo era ormai in avanzato stato di decomposizione. A dare l’allarme sono stati, intorno alle 16.30, i vicini preoccupati dal cattivo odore che fuoriusciva dall’abitazione. Oltre che dal fatto che non avevano più visto in giro l’uomo. Stando ai rilievi eseguiti dai carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile con i colleghi delle stazioni di Minerbe e Legnago, intervenuti sul posto con il personale del 118, il decesso del 76enne sarebbe imputabile a cause naturali. La porta era infatti chiusa a doppia mandata e non sono stati riscontrati segni di effrazione. Così come non mancavano soldi ed altri oggetti di valore. Tuttavia la posizione anomala in cui è stato trovato il pensionato, con la testa incastrata tra la gamba del tavolo rotondo e la porta finestra della veranda, e la spesa sparsa per terra, hanno destato inizialmente alcuni sospetti tra i soccorritori e il medico legale. Ma di mezzo non ci sarebbe una colluttazione finita nel peggiore dei modi. Bensì si tratterebbe del disperato tentativo dell’anziano di aggrapparsi al tavolo dopo essere stato colto da un malore che l’ha fatto cadere e che gli è stato fatale. Tanto che, conclusi gli accertamenti, il pm di turno, la dottoressa Maria Federica Ormanni, ha disposto la rimozione della salma, che è stata trasferita nelle celle mortuarie dell’ospedale «Mater salutis». Oggi sarà eseguita l’ispezione esterna, che dovrebbe confermare la morte naturale. Nel frattempo, in attesa del nulla osta per i funerali, la polizia locale ha avvisato i familiari di Avanzini. •

Stefano Nicoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1