CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.10.2018

Raffica di furti e proteste Il Comune corre ai ripari

Il bar «Al Leoncino» rapinato lo scorso agosto a Vangadizza
Il bar «Al Leoncino» rapinato lo scorso agosto a Vangadizza

Un nuovo varco elettronico, in grado di leggere le targhe dei veicoli che entreranno in superstrada, oltre ad una maggiore illuminazione ed al rafforzamento del controllo di vicinato. Sono queste le prime azioni che saranno messe in campo, nelle prossime settimane, dalla Giunta del sindaco Clara Scapin per garantire maggiore a Vangadizza. Ovvero la frazione di Legnago che, a sud del capoluogo, è stata presa di mira più volte dai ladri nelle ultime settimane con un’escalation di razzie preoccupante. In un caso, addirittura, i malviventi hanno aggredito un ex agricoltore 78enne all'interno della sua abitazione. Durante l'affollata assemblea che si è svolta nei locali della parrocchia, il primo cittadino ha quindi aggiornato gli abitanti della località riguardo le nuove azioni messe in campo dal municipio per tentare di contrastare un fenomeno, che ha allarmato parecchio in questi mesi la popolazione locale. Il Comune, pertanto, ha chiesto ed ottenuto in questi giorni dal prefetto Salvatore Mulas l'autorizzazione ad installare un nuovo «occhio elettronico» alle porte della frazione. L'apparecchio sarà installato in corrispondenza dello svincolo sulla Transpolesana e sarà in grado di riconoscere le targhe dei veicoli in transito, al pari degli altri 12 varchi già attivi da anni ai vari ingressi della città e dei Comuni associati di Terrazzo e Villa Bartolomea. «Il nuovo apparecchio», evidenzia il sindaco Scapin, «sarà posizionato nelle prossime settimane e monitorerà il passaggio dei veicoli anche in uscita dal paese, aggiungendosi così all'impianto già esistente per il traffico in entrata». Un'altra telecamera, che effettuerà riprese ordinarie e si aggiungerà alle 58 già esistenti in città e nei due Comuni consociati, verrà collocata in centro a Vangadizza. «Durante l'ultimo incontro con l'Anas», prosegue il primo cittadino, «abbiamo illustrato alla società il progetto per illuminare lo svincolo della Transpolesana. Anche questo intervento, che dovrà essere effettuato dalla stessa Anas, costituirà un ulteriore deterrente per i ladri». Da parte sua, il Comune, attraverso il nuovo Piano di illuminazione appena sottoscritto con Agsm Lighting, punterà a potenziare la rete con nuove lampade a Led in alcune strade maggiormente a rischio e più trafficate, come via Mazzanta. «Abbiamo anche segnalato all'ufficio tecnico», sottolinea il sindaco, «le strade dove ci sono stati segnalati blackout improvvisi dell'illuminazione durante la notte». Il municipio continuerà ad incentivare alcune attività, come quella del gruppo di Controllo del vicinato della frazione. «Su una popolazione che, tra Vangadizza e Torretta, conta 2.063 abitanti», puntualizza Scapin, «sono ben 180 persone che hanno aderito al progetto e segnalano le anomalie che rilevano. Auspico che altri cittadini possano avvicinarsi a quest'iniziativa». Allo stesso tempo, il primo cittadino, ha pure sollecitato una maggior presenza in paese dell'Associazione nazionale carabinieri in congedo. Infine Scapin si appella ai residenti «affinché si dotino di allarmi nelle loro case, sfruttando gli incentivi fiscali collegati a questi impianti, oltre alla possibilità di collegarli con il comando locale dei carabinieri». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1