CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.02.2018

Pm10 sotto il limite Rientra l’allerta sull’inquinamento

La centralina Arpav di Casette
La centralina Arpav di Casette

Rientra l'allerta sull'inquinamento atmosferico a Legnago. L'ufficio tecnico comunale, infatti, ha comunicato il cessato allarme riguardo all'eccessiva concentrazione di polveri sottili (Pm10) rilevata nei giorni scorsi dalla centralina dell'Arpav installata in via Togliatti, nella frazione di Casette. «A seguito delle ultime rilevazioni», scrivono i funzionari di Palazzo de' Stefani, «sono stati registrati valori di concentrazione media pari a 41 microgrammi per metro cubo d'aria, inferiori quindi al limite di 50 microgrammi fissato dalla legge. Pertanto, è rientrato lo stato di allerta Arancio e quello attualmente fissato è Verde». Quindi, non sarà più vietato accendere camini, stufe ed altri impianti alimentati con legna ed altre biomasse legnose che non rispettano la classificazione ambientale «3 stelle» fissata dalla Regione. Così come potranno essere nuovamente dispersi i liquami zootecnici nei campi. «Tuttavia», avvertono i tecnici municipali, «rimarranno in vigore gli obblighi previsti dall'apposita ordinanza sindacale dello scorso 10 ottobre, tra cui il divieto di circolazione delle auto a benzina e diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, di moto e ciclomotori non omologati e con certificato di circolazione antecedente all'11 gennaio del 2000». Tutti questi mezzi, fino al prossimo 15 aprile, non potranno circolare su tutto il territorio cittadino dal lunedì al venerdì, escluse le festività infrasettimanali, nelle fasce orarie che vanno dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. A far rientrare l’emergenza, scattata nel capoluogo della Bassa come in altri centri della provincia a seguito del superamento dei valori limite di Pm10, hanno contribuito leabbondanti piogge cadute nei giorni scorsi sul territorio. Nel 2017, la centralina Arpav di Casette aveva registrato 76 sforamenti. • F.T.

F.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1