CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.07.2018

Operazione «salva-golena» Riapre la spiaggia della mutua

La spiagga della mutua in riva all’Adige ritornerà presto in funzione
La spiagga della mutua in riva all’Adige ritornerà presto in funzione

È iniziata l'estate ma la «spiaggia della mutua», a Legnago, resta inesorabilmente chiusa. Privando, così, i cittadini del centro, soprattutto quelli più anziani, di un luogo dove godere un po' fresco all'ombra degli alberi in riva all'Adige. Oltre che dei servizi della casetta su ruote, inaugurata dal Comune nel 2014 e costata 15mila euro. Lo scorso ottobre, infatti, l'associazione «L'incontro», che gestiva da 20 anni l'area golenale alle spalle di via XXIV Maggio, per disguidi organizzativi al suo interno ha restituito al Comune le chiavi della struttura e sgomberato l'area adiacente. La quale, tutt'oggi, si presenta spoglia e priva di tavoli, panche e gazebo, che negli anni scorsi permettevano di frequentare nelle giornate di canicola la zona tra l'argine ed il fiume. L'assenza di associazioni e di attività nei tre ettari di «oasi» è tuttavia destinata a durare ancora per poco. Lo scorso 20 giugno, infatti, la Giunta del sindaco Clara Scapin ha varato il progetto «Arena fluviale», il quale, attraverso le associazioni Canoa Club Legnago, Porto Bello e Sound Vito, farà rinascere la golena, ampliandone addirittura le attività all'area esistente sulla sponda opposta dell'Adige, in corrispondenza del quartiere di Porto. La concessione sarà valida fino al 31 dicembre 2019 e comprenderà l'utilizzo della casetta su ruote, che verrà sfruttata come sede e sarà funzionale a tutte le attività progettate dai tre sodalizi. Inoltre potrà essere impiegata come deposito di attrezzature, sala riunioni e per il presidio della zona circostante. «La casetta», scrive l'esecutivo nel progetto salva-golena, «rimarrà aperta a tutte le realtà associative locali che ne faranno richiesta per proprie iniziative». Il progetto abbraccerà vari luoghi strategici delle due sponde del fiume, ovvero il pontile di attracco delle canoe, le golene di destra e sinistra Adige e la sommità dell'argine, dalla parte di Porto, prospiciente l'area «Ex Riello», già utilizzata per manifestazioni ed attività per la collettività. «Tramite il recupero e la valorizzazione di questi luoghi», puntualizza la Giunta nel patto, «si potrà avviare la realizzazione di un'arena che unirà, in una sorta di continuità, Legnago con Porto, tramite attività ricreative d'acqua, come la canoa ed il kayak, ma anche la valorizzazione di percorsi in sinistra Adige e l'organizzazione di eventi all'aperto nelle due golene». Le associazioni coinvolte, dal canto loro, si impegneranno a redigere un regolamento, in accordo con il municipio, per la gestione ottimale dei beni concessi in uso. Per quel che concerne la golena di Porto, i proponenti delle tre associazioni hanno previsto che, all'interno dell'area, si potrà ricavare un circuito lungo un chilometro dedicato alle escursioni naturalistiche. Inoltre, l'area fluviale sarà collegata alla zona «Ex Riello» tramite un percorso già tracciato, che arriverà al centro di Porto. Riguardo le iniziative della nuova «arena fluviale», Porto Bello ha comunicato al Comune che prevede di organizzare già nella stagione corrente qualche evento di rodaggio in sinistra Adige. I responsabili di Sound Vito, invece, hanno confermato per sabato 25 agosto l'evento «Sound of the river», con concerto ed attività ecologiche, nell'area della spiaggetta, sulla scorta del successo riscontrato lo scorso anno. «Con questo accordo», evidenzia Claudio Marconi, assessore all'Ambiente, «faremo in modo che l'area golenale di destra Adige diventi pienamente operativa già quest’estate. L'aspetto interessante di questo progetto, oltre a quello della sinergia tra associazioni, è che si potranno organizzare eventi su entrambe le rive. La presenza del Canoa Club, infine, valorizzerà il pontile d'attracco sul fiume». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1