CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.10.2018

La Giunta «congela» le tasse Garantiti servizi e assistenza

Anziana con una badante: a Legnago garantiti i fondi per l’assistenza
Anziana con una badante: a Legnago garantiti i fondi per l’assistenza

Tasse comunali invariate e fondi garantiti per i servizi e l'assistenza sociale a Legnago. La Giunta del sindaco Clara Scapin ha già varato il bilancio di previsione del 2019, in anticipo rispetto a tutti gli anni precedenti, ma nel pieno rispetto della legge. La quale prevede che l'adozione della manovra finanziaria, da parte dei rispettivi consigli comunali, avvenga nei municipi italiani entro il 31 dicembre di ogni anno. Tale scadenza, tuttavia, spesso viene disattesa dalle amministrazioni locali, le quali, in attesa di conoscere i contenuti della manovra economico-finanziaria del Governo, preferiscono usufruire delle deroghe che vengono concesse puntualmente ogni anno da Roma. Se non vi saranno intoppi, dunque, l'assemblea civica di Palazzo de' Stefani potrà dare il via libera alla nuova programmazione il prossimo dicembre. «Tutto ciò», evidenzia il sindaco Clara Scapin, «consentirà ai nostri uffici di essere pienamente operativi fin da gennaio. In caso di mancata approvazione del bilancio entro dicembre, difatti, i vari settori municipali sono tenuti a spendere, per ogni mese del nuovo anno, un dodicesimo rispetto ai costi registrati l'anno prima. Con il risultato di ingessare parecchie attività dell'ente». Per quel che concerne la nuova manovra finanziaria, gli uffici comunali hanno previsto che il prossimo anno le entrate municipali, pari alle uscite, si assesteranno su un volume di 40,1 milioni di euro. In particolare, Palazzo de' Stefani punta ad incassare da imposte, tasse e tributi speciali 11,6 milioni di euro. Le aliquote, dall'Imu all'Irpef, rimarranno però invariate mentre i finanziamenti provenienti dallo Stato e dagli altri enti superiori sono stati previsti in 4,2 milioni di euro. Inoltre, sono preventivate entrate legate ai proventi dei servizi erogati, dagli utili delle partecipate e dai beni dell'ente stesso, pari a 6,7 milioni di euro. Le vendite di proprietà comunali e le riscossioni di crediti saranno pari invece a 7 milioni di euro. Infine, non sarà prevista l'accensione di nuovi prestiti. Le partite di giro, ovvero le entrate pari alle uscite gestite dal municipio per conto di enti terzi, ammonteranno a 5,2 milioni di euro. Tra le spese, quelle necessarie a far funzionare gli uffici e per le prestazioni del Comune saranno di 20,8 milioni di euro. Gli investimenti, che riguarderanno soprattutto le opere pubbliche, toccheranno i 6,9 milioni di euro. Per il rimborso dei prestiti, poi, l'ente locale dovrà impegnare 1,3 milioni di euro. «Con questa manovra», assicura il sindaco, «non aumenteremo le tasse locali, mantenendo allo stesso tempo i servizi sociali, culturali e scolastici. A livello delle singole imposte, inoltre, saranno confermate le agevolazioni adottate negli anni scorsi a favore elle fasce più deboli della popolazione». Sul fronte delle uscite, il primo cittadino rimarca: «Le uniche spese maggiori, nel 2019, riguarderanno le elezioni sia amministrative che europee, le quali richiederanno un impegno di 70mila euro. Tra i servizi, poi, abbiamo inserito i 200mila euro che garantiranno la gestione della nuova biblioteca in fase di ultimazione a Porto. Sono stati quindi previsti ulteriori fondi per 25mila euro, corrispondenti all'aumento della quota che versiamo all'Ulss 9 Scaligera, per la gestione dei servizi sociali. Tale incremento servirà a coprire le attività dei Ceod del territorio». Scapin sottolinea: «Sempre nel settore sociale, alcuni capitoli non sono aumentati poiché sono state promosse politiche attive sul territorio in tema di lavoro, coinvolgendo altri municipi della zona. Inoltre è stato promosso un tipo di welfare, a livello municipale, basato sulla partecipazione dei beneficiari ad attività proposte dal Comune in cambio del sussidio». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1