CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.12.2017

Il sindaco vieta i botti per tutelare anziani malati e ambiente

Vietati i  botti in centro
Vietati i botti in centro

Tutelare la tranquillità di chi abita nel centro storico di Legnago, compresi i 158 ospiti della casa di riposo di corso della Vittoria, e preservare il benessere degli animali domestici e l’ambiente nelle aree naturalistiche in riva all’Adige. Sono questi alcuni degli obiettivi che hanno spinto il sindaco Clara Scapin a rinnovare, in vista delle feste di Capodanno, l’ordinanza «anti-botti» che limita nell’uso di fuochi artificiali e mortaretti nella notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio. Pertanto, a partire dalle 20 di domenica e fino alle 8 di lunedì, sarà tassativamente vietato far esplodere petardi ed altri oggetti simili in diverse zone della città. A cominciare dalle aree che circondano l’Ipab di corso della Vittoria, l’ospedale, le caserme di carabinieri, polizia stradale e dell’Ottavo reggimento genio guastatori paracadutisti «Folgore». I fuochi artificiali, inoltre, non potranno essere accesi in tutto il centro, accanto ai distributori di carburante sia liquido che gassoso, oltre che nelle aree dove c’è pericolo di incendio. Riguardo la tutela ambientale e degli animali domestici, il provvedimento stabilisce il divieto di far scoppiare i botti verso cani, gatti e simili, presenti sia nelle piazze che negli altri spazi pubblici. Così come non sarà permesso far esplodere mortaretti ed altro nelle aree naturalistiche lungo l’Adige. Il sindaco ha proibito, inoltre, i botti in zone isolate del territorio. L’uso dei fuochi pirotecnici dovrà essere evitato assolutamente in spazi affollati, in particolare dove sono organizzate feste o riunioni di altro tipo. Per i trasgressori sono previste sanzioni da un minimo di 25 ad un massimo di 500 euro. Se le violazioni avranno rilievo penale scatterà anche una denuncia all’autorità giudiziaria. • F.T.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1