CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.02.2018

Forum delle famiglie Scarmagnani e Donà a capo del sodalizio

Uno psicologo ed un'insegnante di Legnago - marito e moglie, con tre figli e cinque esperienze di affido, che fanno parte della Comunità Papa Giovanni XXIII - sono i nuovi presidenti del Forum veneto delle associazioni delle famiglie. Una realtà che riunisce una trentina di sodalizi e coinvolge oltre 3.500 nuclei familiari della nostra regione. Marco Scarmagnani, che ha uno studio di mediazione e consulenza familiare a Legnago, scrive libri ed articoli sulla vita di coppia e la genitorialità oltre a promuovere attività e gruppi di aiuto su questi temi, è delegato al Forum nazionale delle famiglie, mentre Maria Alessandra Donà, sua moglie che insegna religione al liceo Cotta e, per la Papa Giovanni XXIII, è animatrice del Servizio diritti umani e giustizia e la referente delle iniziative ecumeniche ed interreligiose della zona Veneto ovest, sono stati eletti alla presidenza dell'organismo regionale. Tutto ciò in forza del lavoro che già conducono al suo interno. «Siamo onorati di questo incarico, perché vogliamo un Forum in grado di raccontare la bellezza della famiglia», dicono. «Dobbiamo cercare nuove modalità per narrare il matrimonio e la genitorialità, ma nel contempo essere di stimolo alle istituzioni, soprattutto in vista della prossima tornata elettorale di marzo», precisano spiegando i loro primi obiettivi. Il Forum Veneto è un’articolazione di quello nazionale, che è nato nel 1992 allo scopo di portare nel dibattito culturale e politico italiano la famiglia come soggetto sociale. Esso ha il compito di rappresentarne i bisogni e lavorare con le istituzioni per realizzare una società a loro più vicina. «A fronte di un forte calo della natalità, che determina un progressivo impoverimento del Paese, ci attendiamo che lo Stato intervenga», rimarca Scarmagnani. • LU.FI.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1