CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

31.01.2018

Profughi, il Consiglio si spacca sullo Sprar Il sindaco è contrario

Francesco Scuderi La maggioranza consiliare di Cerea ribadisce la sua contrarietà allo Sprar. La proposta di delibera presentata nell’ultimo consiglio comunale dai gruppi d’opposizione «Coccinella» e «Cerea città» non ha trovato il benestare del gruppo guidato dal sindaco Marco Franzoni. Il quale, nei giorni scorsi, aveva contestato l’invio di 25 richiedenti asilo nella frazione di Asparetto. Assieme alla maggioranza si sono espressi anche i consiglieri d’opposizione Paolo Marconcini e Gianluca Possenti di Forza Italia. Già in campagna elettorale il primo cittadino si era fermamente opposto allo strumento che permetterebbe al Comune di avere un controllo, almeno parziale, sull’arrivo dei profughi in città. «Non c’è alcuna certezza che la clausola di salvaguardia di tre profughi per ogni mille abitanti sia rispettata», ha esordito Franzoni. «Inoltre», ha aggiunto, «non vogliamo contribuire in alcun modo ad alimentare il business delle cooperative che gestiscono questi affari». Per attivare lo Sprar il Comune dovrebbe impegnare 30mila euro del proprio bilancio comunale. «Si tratta di risorse che preferiamo destinare ad altre attività», ha rimarcato Franzoni. A Cerea sono ospitati quasi 50 profughi divisi in due Centri di accoglienza straordinaria (Cas): quello attivo dall’estate 2016 ad Aselogna; e quello appena predisposto ad Asparetto. «Ritengo che lo Sprar», ha ribadito Alessia Rossignoli, sostenuta dai colleghi Paolo Bruschetta e Sergio Barbieri, «sia l’unico strumento che può dare qualche garanzia in più e porre il Comune come intermediario con la cooperativa per gestire l’accoglienza». La questione profughi è approdata in Consiglio a fronte della richiesta di convocazione straordinaria dell’assemblea avanzata, oltre che da «Coccinella» e «Cerea città», dal gruppo di Forza Italia che fa capo all’ex sindaco Paolo Marconcini. «Se ci saranno progetti, anche di lavori socialmente utili, da parte nostra non sborseremo un euro», ha annunciato Franzoni. • F.S.

Francesco Scuderi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1