CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.08.2018

Nutrie scavano galleria Frana strada consortile

La strada ceduta in località Ca’ Badani a causa della galleria scavata dalle nutrie sulla sponda del Botton
La strada ceduta in località Ca’ Badani a causa della galleria scavata dalle nutrie sulla sponda del Botton

Nella Bassa torna l'allarme nutrie. A riportare in primo piano i timori per gli effetti che provocano sugli argini dei corsi d'acqua le tane scavate da questo roditore è quanto è accaduto poco prima di Ferragosto nel territorio di Cerea. Secondo quanto rende noto il Consorzio di bonifica Veronese, infatti, in località Ca’ Badani, una strada consorziale conosciuta come strada del Piraro, è franata proprio a causa dei buchi causati nella sponda sottostante da alcuni castorini. La presenza di una tana di nutrie, infatti, allargandosi, ha finito per compromettere la stabilità della sponda, una delle due in cui scorre lo scolo Botton, la quale ha improvvisamente ceduto. Gli uomini del consorzio, subito allertati, sono intervenuti già la domenica successiva. Come prima cosa hanno chiuso la strada ed hanno tamponato la falla a fianco del ponte. Il giorno dopo, quindi, hanno ricostruito l’argine, riportando l’area in sicurezza e ripristinando la viabilità ordinaria verso i fondi agricoli. «Questo tipo di interventi devono essere effettuati ormai da anni con una cadenza quasi giornaliera», commenta il presidente del consorzio, Antonio Tomezzoli. «Quest’attività», aggiunge, «impegna il consorzio con spese ingenti, che superano le decine di migliaia di euro l'anno, e con il continuo impiego di personale e mezzi operativi». «Quello che ci preoccupa maggiormente», conclude Tomezzoli, «è che questa situazione sta diventando incontrollabile e che a trarne pregiudizio è proprio la sicurezza degli argini, con la conseguenza che viene messa in pericolo la stabilità delle strade attigue». Il proliferare delle nutrie è oggetto di un piano di contrasto, che è ora fermo e che sarà riavviato in autunno. •

LU.FI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1