CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.12.2017

Finge un furto dopo l’incidente Denunciato 34enne

La caserma della Polstrada
La caserma della Polstrada

Scomparso dopo l’incidente d’auto - una fuoriuscita di strada con una Peugeot Ranch - «riappare» venerdì mattina per denunciare il furto della sua auto. Un comportamento decisamente bizzarro, quello di K.R., 34 anni, di origine marocchina, visto che era proprio intenzionato a dileguarsi quando è carambolato nella campagna a fianco della Provinciale 2 ad Asparetto. Questo perché la macchina furgonata non era assicurata e nemmeno revisionata. Di fatto, K.R. è riuscito ad aggravare la sua posizione, che fino a venerdì mattina era solo quella di un multato, per circa mille euro, per le infrazioni al codice della strada: incrociati i dati, infatti, gli agenti della Polstrada hanno compreso subito che l’uomo non stava affatto dicendo la verità, ovvero che la sua Peugeot Ranch gli era stata sottratta a Castelmassa, in provincia di Rovigo, da ignoti e lui ne stava cercando notizie. Proprio come fa la gatta con il lardo, insomma. Difatti K.R. è il proprietario della Peugeot e forse dicendo così voleva riaverla indietro senza avere conseguenze. Speranza vana: l’uomo, che è domiciliato a Bergantino, sempre nel Rodigino, oltre alla mega sanzione, aggravata dalla scoperta che aveva la patente sospesa a tempo indeterminato, ha collezionato anche una denuncia penale per simulazione di reato. Rilasciato, dovrà quindi vedersela con il giudice, oltre che con la multa, per la guida senza patente e la finzione del furto. A snodare la vicenda dell’infortunato fantasma dell’incidente di Asparetto è stata la Polstrada di Legnago nell’ambito delle attività di controllo e pattugliamento della Bassa. • D.A.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1