CHIUDI
CHIUDI

18.01.2019

Evade di casa e si schianta in auto: arrestata

La pattuglia del Norm che ha arrestato la donna evasa da casaLa scena dell’incidente in cui è rimasta coinvolta la 55enne
La pattuglia del Norm che ha arrestato la donna evasa da casaLa scena dell’incidente in cui è rimasta coinvolta la 55enne

Evade dagli arresti domiciliari che sta scontando nel suo appartamento di Cerea. Ma, a distanza di tre ore e mezza dalla fuga, rimane coinvolta in un incidente stradale. E viene così prontamente rintracciata e arrestata. A tradire P.M., una 55enne con diversi precedenti alle spalle, non è stata solo l’insofferenza a stare rinchiusa tra le mura domestiche dove l’obbligava la misura cautelare alternativa al carcere impostale dal giudice. Ma anche la poca dimestichezza con la guida visto che, durante l’evasione, la donna è uscita di strada a Concamarise, rimanendo intrappolata nell’abitacolo della sua Renault Clio. Fortunatamente senza riportare gravi ferite. Tuttavia, non appena è stata accompagnata all’ospedale ha trovato ad attenderla i carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile di Legnago, che poco prima le avevano suonato invano il campanello. E che, non avendola trovata in casa, avevano avviato le ricerche in tutta la Bassa per rintracciarla. É una vicenda kafkiana, che ha dell’incredibile, quella che, l’altro pomeriggio, ha avuto come protagonista la 55enne ceretana. Intorno alle 14, gli uomini del luogotenente Mauro Tenani, impegnati in uno degli abituali controlli predisposti dal capitano Lucio De Angelis, si sono recati nell’abitazione della donna. Ma di lei, nella palazzina situata nella frazione di Asparetto, non c’era la minima traccia. La centrale operativa del 112 ha diramato così l’allarme per mettere fine alla fuga della 55enne. La quale, come è stato poi accertato, non si era però limitata a lasciare l’appartamento per fare una passeggiata o per andare al supermercato, come avevano fatto in passato altri detenuti scappati dai domiciliari. P.M. si era messa infatti al volante della sua Clio e si era diretta a Concamarise. Ed è stato nel piccolo centro, distante una decina di chilometri dalla città del mobile, che la donna, verso le 17.30, probabilmente dopo alcune tappe intermedie, non è riuscita a controllare l’utilitaria ed è uscita autonomamente di strada. Concludendo la sua corsa sul terrapieno che fiancheggia la Provinciale 48 dopo una carambola che poteva avere conseguenze decisamente più gravi. In base ad una prima costruzione effettuata dalla polizia locale del distretto Media Pianura Veronese di Bovolone - intervenuta sul posto con il personale del 118 e i vigili del fuoco di Legnago - P.M., vuoi per una distrazione, per un malore o una manovra azzardata, ha sbandato all’altezza del civico 13 di via Nuova. Dopodiché, la Clio ha abbattuto un palo dell’illuminazione e divelto un plico in cemento. Un impatto che ha avuto l’effetto di un trampolino di lancio, catapultando la macchina, ruotata su se stessa e diventata una scheggia impazzita, ai bordi della carreggiata. La conducente, dopo essere stata liberata dai pompieri, è stata trasportata in ambulanza al Pronto soccorso di Legnago mentre gli uomini del comandante Marco Cacciolari completavano i rilievi. All’uscita dal «Mater salutis», P.M., dimessa con una prognosi di tre giorni, è stata presa in consegna dai militari del Norm che l’hanno accompagnata al Comando di San Pietro. Quindi, una volta informato il magistrato di turno, la dottoressa Eugenia Bertini, è stata arrestata per evasione. Dopo aver trascorso la notte in camera di sicurezza, ieri è comparsa in tribunale a Verona: il giudice Laura Donati ne ha convalidato l’arresto e l’ha sottoposta nuovamente ai domiciliari in attesa dell’udienza rinviata al prossimo 19 febbraio. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefano Nicoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1