CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.02.2018

Carnevale in notturna «Mastro» dimenticato

Una precedente edizione del Carnevale in notturna
Una precedente edizione del Carnevale in notturna

«Lesa maestà» contro Mastro Marangon alla corte di Re Tarlo. La maschera più importante e antica del carnevale di Cerea non è stata inserita nel depliant informativo distribuito in città e nei paesi limitrofi, in occasione del Carnevale in notturna che sfilerà sabato prossimo per le vie del capoluogo. Si tratta di una festa che da anni, maltempo permettendo, riscuote un notevole successo di visitatori pronti a far festa. Aprendo l’opuscolo in questione, e soffermandosi sul programma della sfilata, si ci imbatte subito nella banda cittadina «Ugo Pallaro» a cui seguono El Sior del Brusà e i so pitochi, Re Carol e Regina Carolina, il Granduca della Scaiarola e via via di seguito tutti i gruppi mascherati e i carri allegorici. Ad accorgersi dell’assenza di mastro Marangon è stato il gruppo di amici che da anni interpreta i personaggi in maschera più famosi di Cerea: da Re Carol al Granduca della Scaiarola, un attrezzo usato dal falegname, fino al Sior del Brusà, che rappresenta la famosa oasi naturalistica ceretana. «Chiediamo giustizia», esordisce sorridendo Roberto Faccini, l’interprete di mastro Marangon, «occorre restituire a mastro Marangon il rango che gli spetta». L’assenza di colui che rappresenta i falegnami ceretani è stata accolta bonariamente da Faccini, che però chiede ora una sorta di risarcimento agli autori della «gravissima svista»: «una cena per tutto il gruppo di maschere ceretane». E forse non ha tutti i torti. È un po’ come se a Verona ci si dimenticasse del Papà del Gnoco. A svelare il motivo della dimenticanza è Alessio Merlin, presidente della Pro loco, il sodalizio che organizza l’evento patrocinato dal Comune. «Purtroppo la tipografia a cui abbiamo consegnato il programma per la stampa ha scordato di inserire questa maschera e noi non ce ne siamo accorti», rivela dispiaciuto Merlin. Ad ogni modo, sabato, alle 20, la ventitreesima edizione del Carnevale andrà in scena con la partecipazione di nove carri. «Nel programma iniziale erano otto, ma all’ultimo momento si sono aggiunti anche gli amici di Zevio», conclude Merlin. In caso di maltempo, la festa sarà rinviata al 3 marzo, sempre in notturna. •

Francesco Scuderi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1