CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.01.2018

smartphone «App» e servizi igienici

Il laghetto del Parco Valle del Menago
Il laghetto del Parco Valle del Menago

Roberto Massagrande Un’App per camminare sui sentieri del Parco Valle del Menago da scaricare sullo smartphone per consultare così schede multimediali riguardanti piante, fiori, insetti, fauna ed archeologia. Oltre a servizi igienici finora assenti. Sono le novità in arrivo per i visitatori dell’oasi naturalistica della Bassa, che quest’anno avranno a disposizione, in prossimità del laghetto, anche una nuova e tecnologica casetta di legno a risparmio energetico adibita per l’appunto a toilette. L’App è in fase di progettazione, ma ci sono già i fondi necessari per realizzarla, ottenuti grazie al finanziamento erogato dalla Fondazione Cariverona. Inoltre, è disponibile il contributo del Comune di Bovolone, proprietario dei 40 ettari di verde pubblico, oltre che un sostegno diretto della stessa Gea onlus, l’associazione che gestisce il parco. Il progetto prevede anche la realizzazione di sei cartelloni da collocare lungo i percorsi su tematiche ambientali e archeologiche, che saranno integrati con l’App scaricabile dai visitatori: basterà inquadrare un QR code o avvicinare il telefonino a dei sensori per vedere apparire sul display ulteriori informazioni. «Il parco si apre alla tecnologia per avvicinare i più giovani ma è un’innovazione molto utile e interessante per tutti», sottolinea Paola Nadali, presidente di Gea onlus. Intanto, si stanno approntando nuovi interventi dopo gli abbattimenti e le potature dei mesi scorsi allo scopo di diminuire e contenere il rischio di incidenti. Si procederà con un primo reimpianto degli alberi abbattuti: cosa che favorirà lo sviluppo di insetti utili impollinatori. Tali attività dovrebbero svolgersi anche con il coinvolgimento dei fruitori del parco al fine di fare formazione e diffondere le peculiarità dell'area verde. La quale, dopo la nuova piantumazione, diventerà di interesse entomologico, con percorsi pensati per conoscere meglio gli insetti. La casetta che ospiterà i servizi igienici sarà in grado di produrre l’energia di cui necessita grazie a dei pannelli solari. La struttura garantirà un risparmio energetico attraverso la produzione di energia per il completo funzionamento del bagno e per l'illuminazione tramite un pannello fotovoltaico ad isola. Per il prefabbricato è prevista una spesa di 13.400 euro. •

Roberto Massagrande
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1