CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.10.2016

Papa in Georgia, l’ha accolto il vescovo Pasotto

A destra monsignor Giuseppe Pasotto accanto a Papa Francesco
A destra monsignor Giuseppe Pasotto accanto a Papa Francesco

Televisioni accese in molte famiglie del paese, tra venerdì e sabato scorsi, per seguire la diretta della visita in Georgia di Papa Francesco, accolto per l’occasione da un bovolonese illustre: monsignor Giuseppe Pasotto, vescovo in terra caucasica. Dallo scorso aprile, il sacerdote 61enne è anche cittadino onorario di Bovolone, centro dove vivono ancora sua mamma Wanda Maria Ferrazzo e i suoi fratelli. Una piccola delegazione di bovolonesi è partita per Tbilisi, capitale della Georgia, e tra i partecipanti c’era anche una sorella del vescovo accompagnata dal marito. A casa del fratello Luigi, in via Crosare, davanti al piccolo schermo, si trovava invece la mamma Wanda, 90 anni appena compiuti, che venerdì ha saltato il riposino pomeridiano e si è messa comoda davanti alla tv per non perdere un minuto della lunga cronaca fin dall’atterraggio dell’aereo papale. «No avaria mai pensà de vedar così ben me fiol in television con el Papa», ha continuato a ripetere la signora, come ricorda il figlio Luigi.

Monsignor Pasotto si trasferì da ragazzo a Verona per studiare dagli Stimmatini, venne ordinato sacerdote nel 1979, quindi, dopo la dissoluzione dell'Urss, partì per la Georgia e nel 1996 venne nominato Amministratore apostolico del Caucaso dei Latini. Da quasi vent'anni svolge questo ruolo nei tre Stati dell'area caucasica, Georgia, Armenia ed Azerbaigian. La notizia che a settembre avrebbe ricevuto la visita di Papa Francesco è stata data in anteprima sabato 9 aprile, nel corso della cerimonia di assegnazione della cittadinanza onoraria in sala civica. Le telecamere hanno seguito passo passo la visita apostolica, dalla messa nello stadio Meskhi di Tbilisi agli incontri con il clero, i religiosi e le religiose, e poi con gli assistiti e gli operatori delle Opere di carità, fino alla visita alla Cattedrale patriarcale di Svetitskhoveli a Mtskheta. È il terzo Papa che monsignor Pasotto incontra: nel 1999 ha ricevuto la visita di Papa Giovanni Paolo II e poi quella di Papa Benedetto XVI. Ora la visita si è ripetuta con Papa Francesco nel suo viaggio apostolicoin Caucaso. RO.MA.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1