CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.01.2015

I lampioni pubblici cambieranno look e la bolletta calerà

I lampioni di viale Olimpia
I lampioni di viale Olimpia

Verrà presto rifatta l'illuminazione pubblica di tutto il paese. Il centro storico, in particolare, avrà dopo il crepuscolo un nuovo look. Gli attuali lampioni verranno infatti sostituiti perché sono considerati, per la loro foggia, una fonte di inquinamento luminoso. Per gli altri pali dell'illuminazione basterà cambiare lampada e aggiungere un alimentatore telecontrollato. L'ufficio tecnico ha provveduto a fine dicembre ad affidare l'incarico alla società «Menowatt Ge srl» con sede a Grottammare (Ascoli Piceno).
L'intervento punta a rendere più efficienti i 3.148 punti luce che si trovano lungo i 70 chilometri di strade comunali. Un'operazione non più rinviabile dal momento che il 70 per cento dei lampioni non ha i requisiti di sicurezza ed efficienza. È già pronto un progetto integrato che prevede in sintesi la fornitura e l'installazione di 3000 alimentatori elettronici «Dibawatt», brevettati dalla stessa società che ha ricevuto l'incarico. Poi sono in programma la fornitura e l'installazione di 2.300 nuovi corpi illuminanti, la posa di sensori ambientali in piazza Scipioni, l'installazione di una rete wi-fi sempre nella stessa zona con possibilità di estendere il segnale a tutto il territorio. Il piano comprende anche la fornitura di nuove luminarie a partire dal Natale 2015.
Il valore del contratto è di 843mila euro: un onere sostenuto tramite un leasing finanziario di cinque anni (29 canoni bimestrali di 29.087 euro). Non è previsto quindi un esborso diretto da parte del Comune. Il piano, approvato dalla Giunta lo scorso maggio, è finalizzato ad ottenere un risparmio energetico di almeno il 40 per cento sui costi della bolletta pagata all'Edison Energia spa di Milano: la bolletta supera attualmente i 500mila euro all'anno. RO.MA.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1