CHIUDI
CHIUDI

26.08.2017

Ex consorzio in degrado
Ordinanza per risanarlo

La sede dell’ex Consorzio agrario che dovrà essere bonificata DIENNE
La sede dell’ex Consorzio agrario che dovrà essere bonificata DIENNE

Nuova ordinanza comunale anti-degrado urbano, la terza in pochi mesi, a Bovolone: questa volta, si tratta di un immobile situato in via Roma. L’istanza è stata notificata ai proprietari del complesso occupato in passato dal Consorzio agrario, composto da edifici e magazzini che da una ventina di anni sono chiusi e si trovano in stato di abbandono. Molteplici gli interventi prescritti ai possessori del fabbricato: non solo il risanamento della facciata della palazzina ad uso uffici per evitare che gli intonaci cadano a terra, ma anche un intervento di derattizzazione, di allontanamento dei piccioni e di sfalcio delle erbacce nel piazzale interno.

La notifica è stata inviata a fine luglio ed i proprietari hanno 30 giorni di tempo per intervenire, salvo impugnazioni o ricorsi. Le altre due ordinanze di questo genere erano state emesse di recente per garantire la messa in sicurezza di una facciata con l’intonaco pericolante nella piazza centrale e la sistemazione della pavimentazione dissestata di un parcheggio riservato ai clienti di un istituto di credito nella centralissima via IV novembre, in quanto rappresentava un pericolo per i pedoni e le persone con difficoltà di deambulazione.

L’area in cui si trova l’ex Consorzio agrario, tra via Roma e via Ospedale, era stata riclassificata negli anni ’90 con una variante al Prg come zona residenziale di completamento soggetta a ristrutturazione, all’interno della quale era diventato possibile costruire edifici fino a tre piani mentre era stata prevista un’area idonea al Consorzio tra Bovolone e Salizzole. Nel 2000 venne avanzata e discussa la proposta di acquisire l’area da parte del Comune per destinarla a servizi e mettere in moto lo sviluppo economico del paese: un progetto da finanziare con una società consortile mista pubblico-privato, ma non se ne fece nulla. L’ordinanza appena notificata all’ex Consorzio è stata emessa su precisa segnalazione, citata nello stesso provvedimento, a cura del gruppo consiliare del M5S. Sulla questione i due consiglieri pentastellati, Enrico Scipolo e Lorenza Montagnoli, avevano dato battaglia lo scorso marzo in consiglio comunale e ora rivendicano il merito degli interventi anti-degrado avendo spedito anche la segnalazione relativa all’ex Consorzio. «Per noi questo è solo l'inizio di un'offensiva contro il degrado e per il decoro di Bovolone», sottolineano i «grillini».

Roberto Massagrande
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1