CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2017

Ad Albaro la piazza
avrà un nuovo sagrato

La nuova piazza ad Albaro sarà pronta a fine maggio
La nuova piazza ad Albaro sarà pronta a fine maggio

Inizieranno entro la seconda settimana di marzo i lavori per rifare la piazza della frazione di Albaro.

L’opera è stata affidata all’impresa Zordan di Verona. Il costo dell’intervento raggiunge i 220 mila euro, onere interamente sostenuto con fondi propri dell’ente locale. Dopo il capoluogo, la frazione di Scardevara e quella di Tombazosana, toccava infatti alla frazione di Albaro vedere riqualificata la propria piazza.

«La nuova piazza della frazione sarà pronta per la fine di maggio», annuncia il sindaco, Moreno Boninsegna, «si tratta del primo stralcio di un progetto più ampio di riqualificazione dell’intera piazza e del sagrato della chiesa parrocchiale di Albaro. Il secondo stralcio di lavori, prevede di riqualificare il sagrato e l’area a parcheggi che si trova sul lato nord - est della chiesa, lungo via Adige».

La prima parte del progetto, redatto dall’architetto Michele Marcazzan di Ronco, prevede la demolizione dell’attuale cancellata di recinzione che si trova davanti al monumento ai caduti e alla scuola elementare. La cancellata verrà arretrata, dietro al monumento, che verrà riposizionato.

Davanti e attorno al gruppo monumentale, verrà posata una pavimentazione in pietra e verranno ricavate aiuole verdi, al posto dell’attuale cortile ricoperto di ghiaia. Verrà riqualificata l’area a parcheggi che si trova tra il monumento ai caduti e la chiesa parrocchiale.

Qui verrà ricavato un accesso pedonale al monumento e alla scuola ed un accesso carrabile a servizio dello scuolabus che, dopo aver raccolto e fatto scendere gli alunni, uscirà su via Libertà. Z.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1