Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
Cerca

venerdì, 31 ottobre 2014

Chiudi

26.01.2014

«Da vent'anni ricerco tracce e spoglie dei deportati italiani»

Roberto Zamboni
Roberto Zamboni
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Per lui è una missione. Roberto Zamboni, artigiano di Montorio, è riuscito a rintracciare le spoglie di oltre 500 deportati italiani, morti all'estero durante la seconda guerra mondiale. Un lavoro immane, e totalmente volontario, che ha fruttato ad altrettante famiglie la conoscenza sul preciso luogo di morte e di sepoltura del loro congiunto, fino ad allora dato per disperso.
Alcuni defunti, come lo stesso zio di Zamboni, deceduto a Flossenbürg nel 1945, hanno così potuto far ritorno in patria almeno da morti, e riposare nei cimiteri dei loro paesi d'origine accanto ai propri cari.
Ieri pomeriggio, Zamboni ha riassunto l'esito dei suoi 20 anni di ricerca all'Istituto per la Resistenza e l'età contemporanea. Ma il lavoro non è finito: ottenuto finalmente dal Ministero della Difesa l'elenco completo dei dispersi italiani, si è scoperto che ammontano a 16mila. I veronesi sono 334, alcuni già rintracciati da Zamboni, che si è preoccupato pure di avvisare i discendenti.
«Nel 1994, cominciai a ricostruire gli ultimi mesi di vita di mio zio Luciano, deportato politico in Germania», spiega Zamboni. «Scoprii che era morto a Flossenbürg il 4 maggio 1945, pochi giorni dopo la liberazione del campo, e lì era stato sepolto. Mi interessai per riportare le sue spoglie a Verona. Ora riposa al cimitero di Montorio».
E aggiunge: «Ma avevo saputo pure che, oltre a mio zio, lì erano seppelliti altri tre italiani. Mi venne spontaneo avvisare le famiglie, all'oscuro di tutto. Per loro, fu un sollievo da un antico dolore sapere dove ritrovare le spoglie di genitori, nonni, parenti dispersi».
Zamboni ha continuato la sua opera, passando in rassegna i cimiteri militari e civili di Berlino, Amburgo, Francoforte sul Meno, Monaco di Baviera, Mauthausen e Varsavia. Sta compilando liste regionali di deportati italiani i cui resti sono stati ritrovati all'estero. «Ho già l'elenco veneto e sardo da inoltrare alle amministrazioni civiche e, di conseguenza, alle famiglie», conclude Zamboni. «Per me, è una missione».L.CO.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Commenti (0)

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

Il meteo

Verona

Multimedia

Telearena live

Tendenze su Twitter

Twitter

Facebook

Sondaggio

Hellas sconfitto in due partite di seguito con 9 gol subiti. Di chi è la colpa?
ok

Agenda

Concerti
New Prog: Rosenkreutz + Logos
LOGOS "L'enigma della vita" (AND 35) (Andromeda Relix, ...
Teatro
"Divertiamoci a Teatro" 2014/2015
Riparte a Novembre al Teatro Nuovo di Verona, ...
Feste
Stagione 2014-2015 al teatro Ristori: danza, spettacoli, proiezioni e incontri
Il teatro Ristori presenta il suo quarto anno ...