Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
Cerca

giovedì, 23 ottobre 2014

Chiudi

10.01.2013

La Tares ci costa
5 milioni più della Tia

IMPOSTE LOCALI. Il Comune ha fatto i calcoli sulle previsioni di incasso della nuova tariffa per raccolta e smaltimento rifiuti. Si passa da 41,5 a circa 47 milioni, il 15% in più. L'aumento è contenuto nel decreto «Salvaitalia»

Lo svuotamento dei cassonetti da parte di un camion dell'Amia: un servizio che ci costa sempre più caro
Lo svuotamento dei cassonetti da parte di un camion dell'Amia: un servizio che ci costa sempre più caro
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenti 10

Verona. Con l'introduzione della Tares, la nuova tariffa sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti che da quest'anno sostituisce la Tia (tariffa igiene ambientale), i veronesi pagheranno circa 5,4 milioni di euro in più. A fornire la stima è lo stesso assessore al bilancio Pier Luigi Paloschi. Il dato conferma la dimensione della «stangata» che, secondo i calcoli dell'Ufficio studi della Cgia di Mestre, a livello nazionale comporterà per gli italiani un ulteriore esborso di 1,9 miliardi di euro. Il gettito complessivo a carico dei contribuenti sarà di almeno otto miliardi. La stima è stata calcolata sottraendo dalle spese per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti (7 miliardi) le entrate derivanti dall'applicazione della Tia (6,1 miliardi). La differenza è di 900 milioni. A tale cifra va aggiunto 1 miliardo ottenuto con l'applicazione della maggiorazione di 30 centesimi a metro quadrato prevista dalla Tares a carico del titolare dell'immobile. Quindi, secondo un esempio fatto nei giorni scorsi dallo stesso Paloschi, se finora un appartamento di 100 metri quadrati pagava di Tia intorno ai 185 euro, con la Tares pagherà 30 euro in più (0,30 moltiplicato per 100) arrivando quindi a circa 215 euro. In pratica, circa il 15 per cento in più della vecchia Tia che in totale portava nelle casse comunali 41,5 milioni di euro. Si arriverà dunque a incassare circa 47 milioni. La maggiorazione di 30 centesimi per metro quadro è contenuto nel cosiddetto decreto legge “Salva Italia” del 2011. Il governo ha infatti stabilito che con la Tares si devono finanziare anche i cosiddetti “servizi indivisibili” prestati dalle amministrazioni comunali di cui beneficia l'intera collettività ma per i quali non è possibile effettuare una suddivisione in base all'effettiva percentuale di utilizzo individuale. Servizi indivisibili sono, ad esempio, l'illuminazione pubblica o la manutenzione delle strade. Per assicurare la copertura di questi servizi i Comuni devono applicare un costo aggiuntivo a carico del contribuente che può arrivare fino a 40 centesimi al metro quadro. Palazzo Barbieri ha già stabilito che non si andrà oltre alla quota minima di 30 centesimi.  Era stato lo stesso sindaco Flavio Tosi ad assicurare che sarebbe stata adottata «la soluzione meno pesante». Nei giorni scorsi il sindaco aveva pesantemente criticato l'impostazione della nuova imposta: «È una tassa calata dall'alto e che torna in alto, si creano nuove imposte locali non per garantire risorse ai Comuni ma perché Roma ce le tolga progressivamente, soldi in più per Roma tolti ai Comuni». Secondo la Cgia di Mestre negli ultimi 10 anni il costo medio per le famiglie italiane per lo smaltimento dei rifiuti è cresciuto del 60,9 per cento.

Enrico Santi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati

Articoli da leggere

Commenti (10)

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Commenti (10)

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto e vagliato. I commenti o le parti ritenute inadatte o offensive non saranno pubblicate.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

    pagine 1 di

Il meteo

Verona

Multimedia

Telearena live

Tendenze su Twitter

Twitter

Facebook

Sondaggio

Penelope Cruz è secondo «Esquire» la «donna più sexy del mondo». Secondo te?
Penelope Cruz
ok

Agenda

Incontri
Management in chirurgia vascolare.
EDIZIONE PRIMA: 23 ottobre, 6, 10, 17 novembre, ...
Cultura
Gianfranco de Bosio - 90 anni
Gianfranco de Bosio 90 anni Teatro, cinema, televisione, ...
Incontri
Congresso internazionale "Large Scale Population-based Surveys on Respiratory Health"
La Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università ...