Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 gennaio 2018

Sport

Chiudi

21.12.2017

Tezenis in A? Dura da solo Curtis mi regala emozioni

Gianluigi Pedrollo, presidente della Tezenis Verona FOTOEXPRESSCurtis Nwohuocha, centro della Tezenis Verona FOTOEXPRESS
Gianluigi Pedrollo, presidente della Tezenis Verona FOTOEXPRESSCurtis Nwohuocha, centro della Tezenis Verona FOTOEXPRESS

Natale a casa Pedrollo. Spunti e idee da mettere sotto l’albero. Il presidente si prende venti minuti di pausa. Allontana il telefono e decide di raccontarsi. Come spesso fa, fino in fondo. Senza tanti giri di parole. Gianluigi Pedrollo, il suo regale di Natale ideale? Filotto. Voglio che la Tezenis mi regali tre vittorie di fila. Contro Orzinuovi, Forlì e Roseto non sono partite impossibili. E fare sei punti ci permetterebbe pure di scalare qualche posizione in classifica Cosa si aspetta dal 2018? Più pubblico al palasport. Più coinvolgimento da parte della gente che ama la Tezenis. È deludente l’idea di non avere la possibilità di trovare ampia condivisione in quello che stiamo facendo Progetto triennale, giovani da forgiare, rivoluzione. Quattro mesi dopo è convinto che la strada sia quella giusta? Vista la vittoria con Trieste direi proprio di sì. Da noi non ci sono senatori che svernano ma un gruppo di ragazzi che ha voglia di emergere. Il gioco diverte, i risultati arrivano. Chi gioca per la Tezenis dà l’anima. Non ci sentiamo arrivati, anzi, siamo in partenza Chi la emoziona? Curtis Nwohuocha. È solare, sorridente. Ma quando c’è da “legnare“ non si tira indietro. Certo, è all’inizio del suo percorso. Ma per quello che fa merita solo applausi. E poi ci sono Greene e Jones. Per quanto visto fino ad oggi, abbiamo azzeccato la scelta dei due americani A chi chiede di più? Al pivot che arriverà In tempi brevi? Ci stiamo provando. La scorsa estate avevamo pensato a Poletti ancora prima di completare il roster. Pure adesso ci stiamo pensando. Ma Roma non lo molla E allora? Allora serve un ragazzo pronto, che si inserisca, non sposti gli equilibri e si adatti ad una squadra che si è ormai abituata a giocare senza pivot. Il nome giusto? Quaglia di Tortona. Siete da prime otto? Lo dice anche la classifica. Ci manca un pivot da quasi inizio stagione. Gli infortuni ci hanno rallentato. I “bocia“ in campo non deludono. E nonostante le difficoltà iniziali abbiamo dimostrato di starci dentro. Quindi ripeto: questa squadra vale i play off La vittoria con Trieste che cosa le ha suggerito? “Li avaria copadi“. Era vinta e abbiamo rischiato di perderla. Ma vincere ci ha fatto capire che con volontà e impegno si può arrivare in alto Nuovi investitori in arrivo? (Pedrollo ride amaro) Oggi come oggi Verona non può permettersi neanche la serie A2. Nessun nuovo investitore. E i costi restano elevati E la serie A? La serie A? Da solo è dura. Da solo non posso. Per puntare alla serie A servono soldi. Tanti Quanti gliene servono in più di quelli che avete a disposizione? Almeno due milioni da aggiungere ai due che già spendiamo per la stagione E il progetto triennale? Il percorso tracciato è sportivo. E oggi ha un suo avallo anche sul piano finanziario. Se azzecchiamo tutto, i giovani ci sorprendono, magari si può anche decollare. Ma poi si arriva sempre là: servono investimenti importanti. Per essere più chiaro: a oggi stiamo sostenendo il campionato con a disposizione un budget inferiore di circa un milione rispetto all’annata dell’ultimo Ramagli. Chi vorrebbe rivedere a Verona? Monroe. Lui spostava gli equilibri. Pedrollo, ha in mente sorprese? (Sorride divertito) Sì, un giorno chiudo a chiave il palazzetto e lascio tutti fuori. Posso, no? Messaggio ai tifosi? A guardare i numeri sono più oggi (tra abbonamenti e biglietti) che ai tempi della super squadra di Ramagli. Strano modo di amare Verona. Chi ha proposte, si faccia avanti. Anche per un azionariato popolare. Criticare chi lavora è sempre troppo facile. Come è messo a pazienza? Me n’è rimasta gran poca. Ma sono ancora qui a fare gli auguri a tutti. Tifosi, sponsor, giocatori e chi ama Verona. Perché Verona va amata.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
51
Juventus
50
Inter
42
Lazio
40
Roma
39
Sampdoria
30
Atalanta
30
Fiorentina
28
Udinese
28
Torino
28
Milan
28
Bologna
24
Chievoverona
22
Genoa
21
Sassuolo
21
Cagliari
20
Spal
15
Crotone
15
Hellas Verona
13
Benevento
7
Benevento - Sampdoria
3-2
Cagliari - Juventus
0-1
Chievoverona - Udinese
1-1
Fiorentina - Inter
1-1
Genoa - Sassuolo
1-0
Milan - Crotone
1-0
Napoli - Hellas Verona
2-0
Roma - Atalanta
1-2
Spal - Lazio
2-5
Torino - Bologna
3-0