Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 febbraio 2018

Sport

Chiudi

05.02.2018

Tezenis da... fantascienza Pioggia di bombe e festa Montegranaro devastato

Andrea Amato in entrata. Prova super del playmakerAmoroso e Poletti, lotta tra titani FOTOSERVIZIO EXPRESSPhil Greene devastante con  26 punti e sei triple
Andrea Amato in entrata. Prova super del playmakerAmoroso e Poletti, lotta tra titani FOTOSERVIZIO EXPRESSPhil Greene devastante con 26 punti e sei triple

Simone Antolini I marziani sono scesi al Forum. La Tezenis si regala la partita quasi perfetta. Annienta Montegranaro (96-71 il finale). Trova percentuali irreali da tre (62 per cento). Sfiora i cento punti. Ne fa 57 nel secondo tempo. Allunga in maniera perentoria. Lascia dietro i marchigiani. Si fa trascinare da un Amato in stato di grazia (28 punti) e dal solito Greene. Una partita di rara bellezza. Cattivi e in ritmo. Devastanti in transizione. Incontenibile negli ultimi due quarti dove piovono bombe sulla seconda della classe. Una Scaligera bella, bellissima è possibile. Oggi quarta in classifica. Ma per Dalmonte non è questo che conta. La corsa, la testa, la forza. Come una goccia che cade. E diventa oceano. Solo così Montegranaro può essere spazzato via. Ma non è facile. Perché i marchigiani (pesa l’assenza di Powell) hanno talento, ritmo, velocità di esecuzione, grande aggressività sotto canestro. E Verona non può permettersi di voltare mai le spalle all'Extralight. Appena capita, Montegranaro colpisce e scappa. Detto questo, il primo tempo è giocato sul filo di un equilibrio instabile. Tre momenti. Il primo vede la Scaligera aggredire, colpire e piazzare l'allungo. Il secondo manda Montegranaro in vetrina: esecuzioni mortifere, dominio al rimbalzo, capacità di togliere il fiato ai gialloblù. Il terzo riporta Verona dentro la partita grazie ad una lucidità provvidenziale nel momento della verità. Primo parziale: 39-40. La Tezenis sotto di uno. Amato immenso al tiro e in entrata (già dieci punti). E Greene scacciapensieri, con 11 punti e triple di fuoco. Montegranaro risponde con i sette punti e sette rimbalzi di Amoroso, le triple di Campogrande e Rivali e i nove punti di Corbett. Inafferrabile negli uno contro uno ma annebbiato da tre (0/5). Un passo indietro: nel primo quarto Verona parte forte. E si costruisce un 20-12 esaltante. Difende bene, soffre il giusto sotto le plance ma trova esecuzioni lucide, proponendo buona aggressività in difesa. Greene timbra due bombe. Rivali risponde. Amoroso manda avanti la portaerei. Jones in entrata si regala splendido gioco da tre. Lì, però, Verona va in sofferenza. Merito anche di Montegranaro. Che eleva la qualità difensiva, continua a trovare extra possessi e mina l'area. Il parziale è devastante: 11-2 e sorpasso marchigiano a fine primo quarto (23-22) con tripla dell'ex Gueye, che poi ruba pure palla e va a schiacciare. Il secondo quarto parte in salita. Montegranaro picchia sull’anima di Verona fino a toccare il +9 (33-24). Amoroso inchioda, Campogrande timbra, Rivali spacca dalla distanza. La Scaligera, però, rialza la testa. E firma un contro break (7-0) che la rimette in linea di galleggiamento. Amato è protagonista. Punti dall'area pesantissimi. Pure Greene da fuori. E Visconti dall'angolo regala il sorpasso confezionando la bomba (34-33). Battito d'ali e l'Extralight è di nuovo avanti con tripla di Campogrande e Corbett. Ma ancora Amato pennella da tre. E gratta dalla lunetta. Sotto di uno e tutti a bere un the. E dallo spogliatoio escono marziani. Verona mette le ali. Spacca la partita. Polverizza Montegranaro giocando due quarti di altissimo livello. Cattivissima al tiro. Impenitente nel momento di togliere speranza ai marchigiani. Amato sontuoso: mette cinque triple di fila negli ultimi dieci minuti. Ma tutti partecipano alla festa. Da dentro e da fuori. Il parziale del terzo quarto (26-14) scava già il primo solco e manda Verona all'ultima corsa avanti 65-54. La Scaligera ha un altro passo. Comanda, esegue, difende, distrugge il gioco avversario. L'ultimo quarto è show time. Detto delle cinque triple di Amato, pure Jones e Greene martellano da fuori. I ragazzi di Dalmonte toccano il +25 (89-64) su missile di Phil. Montegranaro è frastornato. Prede tiri affrettati. Ma ormai è al tappeto. E Verona chiude 96-71. Portandosi a casa una notte di gloria. •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
66
Juventus
65
Roma
50
Lazio
49
Inter
48
Sampdoria
41
Milan
41
Atalanta
38
Torino
36
Udinese
33
Fiorentina
32
Genoa
30
Bologna
30
Cagliari
25
Chievoverona
25
Sassuolo
23
Crotone
21
Spal
17
Hellas Verona
16
Benevento
10
Atalanta - Fiorentina
1-1
Benevento - Crotone
3-2
Bologna - Sassuolo
2-1
Chievoverona - Cagliari
2-1
Genoa - Inter
2-0
Lazio - Hellas Verona
2-0
Milan - Sampdoria
1-0
Napoli - Spal
1-0
Torino - Juventus
0-1
Udinese - Roma
0-2