Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Sport

Chiudi

24.02.2018

«Tezenis, con Treviso non è impossibile»

Mattia Udom difende palla nella gara dell’andata al PalaVerde FOTOEXPRESS
Mattia Udom difende palla nella gara dell’andata al PalaVerde FOTOEXPRESS

Il derby che ritorna. Treviso pare scendere da altro pianeta. Nove vittorie di fila. Trance agonistica. Negli occhi ancora la prestazione con la quale la De’Longhi ha schiantato Trieste. Bene, bravi. Ma adesso c'è la Tezenis. Che ha voglia di chiudere al meglio il ciclo terribile di febbraio. Regalandosi, magari, una impresa da ricordare. Le due sconfitte consecutive contro Fortitudo e Udine non possono di certo cambiare il senso della stagione di Verona. Chiamata, però, a muovere la classifica per restare nel giro play off. Luca Dalmonte intende dare il giusto significato a questa partita. Da collocare dentro ad un percorso di crescita e maturazione. In questo momento della stagione vittorie o sconfitte vanno prese con il giusto equilibrio. L’obiettivo finale resta la conquista di un posto ai play off. E le oscillazioni di classifica non devono influire sulla bilancia emozionale di chi ama Verona. Il coach gialloblù presenta così il derby: «Una partita difficile? Lo è. Lo dicono i numeri delle ultime partite. E lo dicono i numeri della classifica. Che è specchio delle ultime nove giornate di Treviso. Sarà gara complicata perché la qualità della pallacanestro, il rendimento e il roster di Treviso ci dicono proprio questo: partita complicata». Verona sa di dover sbagliare poco, quasi nulla, per provare ad avere ragione della corazzata trevigiana. «Il modo di interpretare la partita nelle scelte e la capacità di gestire le nostre energia, potrebbe rendere la gara meno difficoltosa. Sapendo che le difficoltà e le complicazioni non sono assolutamente sinonimi di impossibile». La De’Longhi resta splendido avversario. In pieno ritmo. Datato di colpi di puro talento. Con rotazioni profonde. E Swann fiore all’occhiello di una squadra che punta al massimi risultato. «Treviso ne ha vinte nove di fila. E alcune partite le ha dominate con grande autorità. Una chiave di lettura per capire ancora meglio la forza di Treviso è leggere in maniera attenta come le ha vinte. In trasferta ha saputo imporsi con forza e personalità, affidandosi a presenza e autostima di primissimo livello». Troppo facile tessere gli elogi di un avversario che da tempo ha innestato la marcia e pigiato il piede sull’acceleratore. «Oggi Treviso ha rotazioni profonde: con sei giocatori sul perimetro, e quattro che si alternano. Con ruoli certificati ben definiti e con variabili offensive di alto livello. Nelle loro sfortune iniziali (infortuni di Antonutti e Fantinelli ndr), sono stati bravi ad uscirne più forti. Le problematiche Antonutti e Bruttini, hanno forzato il club a firmare Lombardi, allungando così là rotazione dei lunghi. Aspetto non preventivato ad inizio stagione che oggi offre, però, una incidenza positiva. Preventivata, invece, era la scelta del secondo americano a campionato in corso. L'arrivo di Swann ha permesso di aprire a Treviso il “drs“ per far esplodere tutti i cavalli a disposizione». Il derby sarà anche ultima partita di un mese che ha riservato solo sfide durissime a Verona. «Febbraio era stato codificato come il mese della sofferenza. Comunque vada adesso con Treviso, dovevamo fare i conti con il calendario e sappiamo che la sofferenza finirà. Ho assoluta e totale serenità. Vorrei che la squadra giocasse la partita con gusto, sapendo che avremo di fronte un avversario da considerare la terza squadra come potenziale pretendente alla promozione con Bologna e Trieste. Per meriti acquisiti». •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
12
Spal
9
Napoli
9
Sampdoria
7
Fiorentina
7
Sassuolo
7
Genoa
6
Lazio
6
Roma
5
Torino
5
Udinese
5
Cagliari
5
Atalanta
4
Inter
4
Milan
4
Empoli
4
Parma
4
Bologna
1
Frosinone
1
Chievoverona
-1
Cagliari - Milan
1-1
Empoli - Lazio
0-1
Frosinone - Sampdoria
0-5
Genoa - Bologna
1-0
Inter - Parma
0-1
Juventus - Sassuolo
2-1
Napoli - Fiorentina
1-0
Roma - Chievoverona
2-2
Spal - Atalanta
2-0
Udinese - Torino
1-1