Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 aprile 2018

Sport

Chiudi

27.12.2017

Tezenis con il «Barba», è arrivato Poletti

Mitchell Poletti, centro classe 1988. Prima parte della stagione all’Eurobasket Roma FOTOEXPRESS
Mitchell Poletti, centro classe 1988. Prima parte della stagione all’Eurobasket Roma FOTOEXPRESS

Simone Antolini Mitch sa tanto di America. E quella barba hipster ha già richiamato l'attenzione di Gianluigi Pedrollo. Pure lui “on the floor“ il giorno di Natale per vedere all'opera Mitchell Poletti, il nuovo acquisto di Verona, prelevato dall’Eurobasket Roma. Origini italianissime, lombardo della capitale dei lombardi. Ma per chi vuol sognare con l'accento di Santa Claus, Verona diventa per una notte come la Houston di James Harden, il campione Nba dei Rockets, noto per lo stile e per la sua folta barba. A Natale si può. E oggi anche la Tezenis ha il suo “Barba“. Nuovo centro di gravità, arrivato per sostituire il convalescente Marco Maganza. Poletti, classe’88, nella capitale, viaggiava a 12 punti e sei rimbalzi a partita. L'urgenza ha creato una opportunità in casa Scaligera, visto che Poletti era già stato obiettivo estivo del general manager Daniele Della Fiori. Ma tocca a Luca Dalmonte raccontare il nuovo pivot gialloblù: «Mitch è un giocatore di provata esperienza che ha una conoscenza di pallacanestro ed un vissuto che gli permetteranno di avere un processo di apprendimento rapido. Lo sforzo più grande dovremo farlo noi “vecchi“ per rendere effettivo e performante il suo inserimento». Mancava un centro. Mancavano rimbalzi e punti da raccogliere anche nel pitturato. Poletti è stato scelto anche per questo. «Ritorneremo agli equilibri originali: riprendere Udom nella posizione di “quattro“ e avere rotazioni più canoniche. Ripensando a quello che era il progetto iniziale. Mentre in emergenza abbiamo dovuto girare i ruoli». Lo stato di emergenza ha lasciato intendere che Udom, da cinque, può essere arma tattica. E pure che il giovane Nwohuocha potrebbe accelerare notevolmente il suo processo di maturazione. «Ci teniamo tutte queste cose buone. Curtis, per esigenza, ha dovuto fare un corso accelerato. E mi auguro si tenga ben stretti i progressi fatti, in funzione di un ruolo che deve andare a coprire con più autostima, rispetto a quello che poteva essere l'inizio. Su Udom: il suo utilizzo come “cinque tattico“ era nel progetto. Con Poletti nelle rotazioni, Mattia può diventare “cinque tattico“ in alcune letture a differenza di un ruolo da “cinque puro“, visto fin qui con l'assenza di un centro nelle rotazioni». Toccherà, poi, anche a Poletti valorizzare le sue caratteristiche nel progressivo inserimento nel sistema Dalmonte. Come? «Con Mitch dovremo avere un supporto al rimbalzo più consistente, legato al suo vissuto e alla sua esperienza. Poletti è un centro differente rispetto a Maganza. Perché è più mobile, ha più doppia dimensione. Anche se la sua dimensione più certificata è quella interna. Però può riuscire a diversificare il suo modo di porsi, avvicinandosi ad una doppia dimensione. Questo deve essere valutato come punto di forza. In modo da poter avere, schierando Udom o Totè da quattro e Poletti da cinque, la possibilità di una doppia dimensione nella lettura della partita degli avversari». Forlì, intanto, è alle porte. E Poletti già venerdì sarà in campo, nella sfida sotto i tabelloni con l'ex gialloblù Dane DiLiegro. «Dovremo essere bravi a sfruttare ogni secondo per rendere al meglio l'inserimento in funzione della partita con Forlì. Ma l’aspettativa nei confronti di Mitch dovrà essere proporzionata al tempo che ha avuto a disposizione prima di esordire». A piccoli passi. Verso il futuro. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
85
Napoli
81
Lazio
64
Roma
64
Inter
63
Milan
54
Atalanta
52
Fiorentina
51
Sampdoria
51
Torino
47
Bologna
38
Genoa
38
Sassuolo
34
Udinese
33
Cagliari
32
Chievoverona
31
Spal
29
Crotone
28
Hellas Verona
25
Benevento
14
Benevento - Atalanta
0-3
Crotone - Juventus
1-1
Fiorentina - Lazio
3-4
Hellas Verona - Sassuolo
0-1
Inter - Cagliari
4-0
Napoli - Udinese
4-2
Roma - Genoa
2-1
Sampdoria - Bologna
1-0
Spal - Chievoverona
0-0
Torino - Milan
1-1