Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 agosto 2018

Sport

Chiudi

04.02.2018

Powell, assenza pesante Nelle mani di Amoroso

Valerio Amoroso e Curtis Nwohuocha FOTOEXPRESS
Valerio Amoroso e Curtis Nwohuocha FOTOEXPRESS

Non ce ne voglia Ousmane Gueye se Verona non tiferà per lui. All’andata, fece male alla Tezenis, due triple nei 10’ che è stato in campo (gravato in un amen di falli perché «il lupo perde il pelo ma non il vizio»), comunque pesanti per la Tezenis. Oltre al lungodegente Mitt, non ci sarà per squalifica di due giornate Marshawn Powell (17 punti e 8 rimbalzi) fra gli uomini di Gabriele Ceccarelli. Il giovane coach del club marchigiano incensa la Tezenis e non svela le carte sull’ottimo stato di forma dei suoi ragazzi, secondi a sorpresa con il solo rammarico di esser rimasti fuori dalla Coppa Italia: «In questo momento Verona è la squadra più in forma del campionato: sette vittorie nelle ultime otto giornate, e ha inserito Poletti dopo l’infortunio di Maganza, segno che la società vuole fare un campionato di vertice. Per noi essere incompleti non deve essere un alibi, ma rappresentare la carica per dare qualcosa in più, tentare un altro colpo importante. Vinceremo? Con una partita perfetta, sapendo non abbiamo nulla da perdere. Per una Tezenis che in casa deve fare risultato, noi non ci presenteremo certo già battuti». Quattro successi nelle ultime cinque gare, con Trieste non ha saputo annullare il distacco di classifica. La formula vincente della Poderosa sta tutta nel trio Corbett, Powell e Amoroso, e nei successi casalinghi (una sconfitta come la Tezenis). Fuori l’ala americana, il quintetto sarà da ridisegnare, Amoroso ancora più fondamentale per la Poderosa. «Senza Powell sarà una partita ancora più tosta» è il pensiero di Lorenzo Maspero; per il 19enne play da 5.3 punti che ama difendere, la tattica sarà: «Giocare duro, anche con i piccoli; per mettere Verona alle corde proveremo a correre più». La Tezenis dovrà contenere LaMarshall Corbett, un vero pericolo particolarmente atletico che conosce la categoria (Treviso, Jesi, Mantova le sue ex), esplosivo, con un primo passo bruciante, conclude indifferentemente in “1vs1“ o arresto e tiro: è il principale terminale (sfiora i 20 punti di media); il 37enne Amoroso dice ancora la sua, in campo 32’, con 14.4 punti, 7 rimbalzi e tre assist. Altro pericolo è Luca Campogrande (lo scorso anno in Fortitudo), guardia da 9.3 pp; la squadra si completa con Eugenio Rivali, (5.6pp), Dario Zucca (3.8) e Kaspar Treier (2.1). A.P.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0