Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 febbraio 2018

Sport

Chiudi

31.01.2018

Dalmonte decolla con la «Zona Tezenis»

Jamal Jones, protagonista nel finale di gara contro l’Orzinuovi
Jamal Jones, protagonista nel finale di gara contro l’Orzinuovi

Simone Antolini Attimi eterni. Che cambiano il senso della stagione. Benvenuti nella "Zona Tezenis". Gli istanti finali, quelli della verità. Quando la partita è in sospeso. Alla ricerca di un padrone. E spunta la mano del destino. Quest'anno Verona si è regalata quattro vittorie da urlo all'ultimo istante. O giù di lì. E il conto è facile: quattro successi "last second", otto punti. Che pesano, non poco, sul destino ancora da scrivere della Tezenis. Oggi la corsa ai play off vede Verona tra le protagoniste. Certo, c'è una posizione tutta da confermare. Ma la Scaligera di Luca Dalmonte ha dimostrato, sul campo, di meritare uno degli otto posti che valgono il pass per il post season. E pure il quarto posto sembra essere alla portata dei gialloblù. Sognare è lecito. Grazie anche alla zona Tezenis LA REGINA È KO. La prima vittoria all'ultimo secondo è da considerarsi forse la più carica di pathos. È il 17 dicembre dello scorso anno. Verona si permette di fare lo sgambetto alla regina Trieste, mai sconfitta è reduce da undici vittorie di fila. La batte al Forum. Lo fa grazie ad una giocata plastica di Greene. L'uomo dell'ultimo tiro, riceve palla, aggira la difesa biancorossa, penetra, va dritto al ferro, s'infila tra i muscoli avversari e deposita nel cesto la palombella che fa urlare il Forum. Giocata costruita per Phil. Che la guardia Usa, però, interpreta con coraggio è perfetta scelta di tempo nell'entrata e nel rilascio della palla. L'onda di una partita senza fine si esaurisce lì. Verona l'aveva vinta. Si è fatta riprendere. Ha rischiato di perderla. Poi se l'è ripresa. E l'ha rivinta con Greene. OVERTIME. Altro successo da urlo. Stavolta in trasferta. La Scaligera, all'antivigilia di Natale è di scena al Pala San Filippo. Partita stranissima contro Orzinuovi, affamato di punti. La Scaligera soffre nel finale. E a due minuti dalla fine sembra essere condannata ad un'amarissima sconfitta. Ma rinasce, recupera uno svantaggio di nove punti. Si rimette in piedi. E si regala l'overtime. Il supplementare vede una Verona lucidissima. Che viaggia punto a punto. Sullo spirare della gara, però, la coppia americana confeziona la vittoria "last second". Greene, stavolta, prende il ruolo di suggeritore. Palla in mano, pressione della difesa su di lui, scarico all'angolo per Jones. E Jamal si prende un tiro perfetto che inchioda Orzinuovi. Che non può più recuperare. Altra esecuzione perfetta a pochi istanti dalla sirena. CAPOLAVORO. Il vero capolavoro, però, Phil Greene lo mette a segno nella trasferta di Roseto. Con gli Sharks quasi convinti di averla vinta. Accade tutto nei secondi finali. Si viaggia punto a punto. Poi Roseto trova il tiro dall'angolo di Lupusor. Sorpasso e due secondi alla fine. Ikangi rimette lungo per Phil. Marcato, non in ritmo, fuori asse. Greene si alza, prende il tiro impossibile e trova i due punti del sorpasso. Un secondo nome basta a Roseto. Marulli infila ma la sirena ha già decretato il vincitore MITCH DA TRE. Il resto è storia recente. La quarta vittoria "last second" è arrivata domenica scorsa contro Bergamo. E Mitch Poletti si traveste da americano. Riceve da Greene. Bergamo segue i movimenti di Phil, tutti convinti che sia a lui ad andare a riprendersi la palla per il tiro. Il Barba, invece, si ritrova liberissimo sul perimetro. Tira da tre. E Verona vince. •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
66
Juventus
65
Inter
51
Roma
50
Lazio
49
Sampdoria
41
Milan
41
Atalanta
38
Torino
36
Udinese
33
Bologna
33
Fiorentina
32
Genoa
30
Cagliari
25
Chievoverona
25
Sassuolo
23
Crotone
21
Spal
17
Hellas Verona
16
Benevento
10
Bologna - Genoa
2-0
Cagliari - Napoli
Crotone - Spal
Fiorentina - Chievoverona
Hellas Verona - Torino
Inter - Benevento
2-0
Juventus - Atalanta
Roma - Milan
Sampdoria - Udinese
Sassuolo - Lazio