Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 febbraio 2018

Sport

Chiudi

02.02.2018

«Cara Tezenis, ritorno per vincerla io»

Phil Greene e Ousmane Gueye nella sfida dell’andata a Porto San Giorgio FOTOEXPRESS
Phil Greene e Ousmane Gueye nella sfida dell’andata a Porto San Giorgio FOTOEXPRESS

Simone Antolini Torna a casa. «E a vincere ci tengo in maniera particolare. L'ho detto anche ai miei compagni». Ousmane Gueye ritrova Verona. Non è la prima volta. Ma le emozioni che regala la sfida sono quelle di un nuovo inizio. Ousmane, guardia classe ’82, domenica vestirà i panni dell'ex. La sua Montegranaro contro la “sua“ Tezenis. Quattro stagioni in gialloblù, in passato. Secondo posto da difendere e confermare oggi con la maglia del club marchigiano. Non più una sorpresa. Ousmane, siete secondi e invitati al grande ballo promozione. Cosa intendete fare? «Siamo in ballo? Balliamo. Il bello viene adesso. Ma è dall'inizio che va così. Non pensiamo, però, a vincere. Ma a batterle tutte. Perché Montegranaro può giocarsela con chiunque. Per la vittoria finale, invece, è un'altra storia». Lei si è fatto un'idea? «Trieste merita di salire. Per pubblico, per valore del club e pure della squadra. Ci girano attorno da qualche tempo. Potrebbe essere l'anno giusto». Non sono soli però «La Fortitudo? Nella bolgia di Bologna non è facile per nessuno. Ma Trieste merita il salto. A Ovest vedo bene Biella e Casale Monferrato». E Verona? «Si è rinforzata con Poletti. Ha messo esperienza, chili e fisicità stato canestro. Per il resto, troveremo la stessa squadra dell’andata». Il ricordo qual è? «Due americani talentuosi. Greene e Jones sono atleti molti interessanti. È fin qui lo hanno dimostrato. Verona corre». E Montegranaro? «Abbiamo fame. E non ci accontentiamo mai. Io ho fatto da collante» Con chi? «Sono l'unico superstite, insieme a Rivali, della scorsa stagione. Per il resto, tutti gli altri sono nuovi. A chi arrivava abbiamo fatto capire il valore del club, la bontà di quello che stava facendo la società. Abbiamo avuto la fortuna di creare un gruppo di ragazzi responsabili e disponibili». Il vostro merito quale è stato? «La fusione di cervelli. Qui c'è entusiasmo portato dai giovani, esperienza da chi conosce la categoria, e il giusto talento innestato dalla società. Cercavamo proprio una fusione. L'abbiamo trovata. Ma non ci vogliamo certo fermare qui. Ci aspettano ancora tante sfide. E quella con Verona è partita che genera grandi emozioni». Domenica, però, dovrete fare a meno di Powell, squalificato per due turni «Un’assenza pesante, molto pesante. Ce la giocheremo senza il nostro cinque titolare. Ma sono queste le partite della verità». In che senso? «In più occasioni abbiamo dimostrato di avere buone risorse. Funziona così quando arrivano le difficoltà. Sotto canestro c'è Amoroso. Treier può adattarsi a giocare da quattro. Tutti qui sanno bene cosa fare. Anche perché conta soprattutto l'interesse di squadra. E noi siamo un gruppo vero che sa quello che vuole». Verona, un girone dopo, non ha solo un Poletti in più. Non trova? «Si conosco meglio. Saranno molto tosti, visto pure che giocheranno in casa. Ma il pensiero resta sempre lo stesso: vogliamo vincerla. Perché per me è sempre speciale». •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
66
Juventus
65
Roma
50
Lazio
49
Inter
48
Sampdoria
41
Milan
41
Atalanta
38
Torino
36
Udinese
33
Fiorentina
32
Genoa
30
Bologna
30
Cagliari
25
Chievoverona
25
Sassuolo
23
Crotone
21
Spal
17
Hellas Verona
16
Benevento
10
Atalanta - Fiorentina
1-1
Benevento - Crotone
3-2
Bologna - Sassuolo
2-1
Chievoverona - Cagliari
2-1
Genoa - Inter
2-0
Lazio - Hellas Verona
2-0
Milan - Sampdoria
1-0
Napoli - Spal
1-0
Torino - Juventus
0-1
Udinese - Roma
0-2