Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 dicembre 2018

Sport

Chiudi

09.07.2011

Tezenis, bel colpo. In panchina Garelli: «Sognare si può»

Luigi Garelli l’anno scorso al Palasport durante il match Tezenis-Snaidero Udine
Luigi Garelli l’anno scorso al Palasport durante il match Tezenis-Snaidero Udine

Luigi Garelli è il nuovo allenatore della Tezenis Verona. Reduce dalla buona stagione alla Snaidero Udine, Garelli ha maturato negli anni una lunga esperienza e guidato in Legadue anche Dinamo Sassari e Pallacanestro Vigevano, mettendo in mostra un basket efficace e brillante che gli è valso al termine del campionato 2009-2010 il premio di allenatore dell'anno.
Quarantanove anni compiuti il 27 aprile, nato a Bazzano (Bologna), Garelli ha ottenuto una promozione in B1 con Forlì nel campionato 2000-2001, prima di tre stagioni a Vigevano, sempre in B1. Nel 2004 il ritorno a Forlì, per poi passare alla Dinamo Sassari con cui ha raggiunto una tranquilla salvezza in Legadue. Nei due anni successivi è di nuovo a Forlì, in serie A Dilettanti.
Garelli ritrova la Legadue nel 2009. La sua Vigevano disputa un ottimo torneo e raggiunge i playoff, eliminata solo in gara 5 ai quarti di finale da Reggio Emilia. Sono seguiti la chiamata di Udine e il settimo posto nella regular season dell'ultimo campionato, dopo aver a lungo lottato per le primissime posizioni (eliminato poi per 3-0 al primo turno dei play off da Venezia). Per lui 98 partite in Legadue, con 50 vittorie. Nella sua carriera c'è stata anche un'importante parentesi a Modena, serie A compresa, in qualità di assistente nella stagione 1992-1993, prima di tre promozioni in sette anni a Lugo di Romagna.
Luigi Garelli era candidato a occupare la panchina della Fortitudo Bologna, tornata in Legadue dopo aver acquistato il diritto sportivo da Ferrara, ma ha scelto la proposta della Scaligera Basket. «Verona - evidenzia il nuovo tecnico della Tezenis - è una delle società migliori in cui poter lavorare e sono molto contento della chiamata della Tezenis. Ho incontrato i signori Pedrollo, l'ingegner Bordato e naturalmente Andrea Fadini. Il progetto tecnico mi ha subito convinto. Trovo una società organizzata, una dirigenza competente, la giusta tranquillità, un bel pubblico, un grande impianto, tanto entusiasmo, una bella città ed una piazza che amano il basket e lo sport. Ci sono tutte le premesse per svolgere un buon lavoro».
A Bologna, "Il Resto del Carlino", riporta che "quando la trattativa sembrava già conclusa, Luigi Garelli ha fatto marcia indietro attanagliato tra i tentennamenti di un passionale sostenitore. «Sarei in difficoltà ad allenare una squadra per cui ho sempre tifato», raccontava agli amici più intimi, e l'offerta di Verona, in odore di ripescaggio in Legadue, che a livello di ingaggio era superiore a quella della società biancoblù". La Fortitudo, dopo il no di Garelli, si è orientata su Lino Lardo (in uscita dalla Virtus Bologna, ma è da vedere se accetterà di scendere in Legadue) per cui la Tezenis potrebbe trovarsi come avversario il tecnico che ha guidato la Scaligera nell'ultima stagione di A1.
Garelli, in carriera, ha lanciato giocatori come Dordei (che l'ha seguito anche a Udine nell'ultimo campionato) e Tassinari, ala a Rimini. Sia a Vigevano che a Udine, ha puntato molto sull'ala americana di New Orleans, classe 1983, Jason James Williams (14.5 punti di media l'anno scorso). Dopo la chiusura di Udine, potrebbe anche richiederlo per Verona.
CASO VENEZIA. La Legadue potrebbe perdere la Reyer. La Giudicante, infatti, in merito al ricorso presentato da Venezia, ha detto chiaramente che Teramo ha pagato i 500 mila euro della wild card oltre i dieci giorni dal momento in cui aveva dichiarato che avrebbe pagato. Sarà il Consiglio federale, il 16 luglio, a decidere il format dei campionati. Meneghin ha escluso la possibilità di una A1 a 18 squadre (con Teramo, Venezia e Reggio Emilia, prima ad avere diritto). Potrebbe nascere una A1 a 17 con dentro Teramo e Venezia e con Moncalieri San Mauro (Torino) a sostituire la Reyer in Legadue. In questo caso, si ipotizza, a conclusione della stagione 2011-2012, una sola retrocessione dalla A1 e due promozioni dalla Legadue con una A1 a 18 squadre nel 2012-2013.
CASO TRAPANI. Il Basket Trapani, intanto, attraverso il suo legale, ha inoltrato a Legadue, Federbasket e Comtec, un atto di diffida, per contestare la deliberazione dell'assemblea di Legadue che l'esclude dalla Legadue 2011/2012.

Renzo Puliero
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
43
Napoli
35
Inter
29
Milan
26
Lazio
25
Torino
22
Atalanta
21
Roma
21
Sassuolo
21
Parma
21
Sampdoria
20
Fiorentina
19
Cagliari
17
Empoli
16
Genoa
16
Spal
15
Udinese
13
Bologna
11
Frosinone
8
Chievoverona
3
Cagliari - Roma
2-2
Empoli - Bologna
2-1
Genoa - Spal
1-1
Juventus - Inter
1-0
Lazio - Sampdoria
2-2
Milan - Torino
0-0
Napoli - Frosinone
4-0
Parma - Chievoverona
1-1
Sassuolo - Fiorentina
3-3
Udinese - Atalanta
1-3