Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 gennaio 2018

Rio 2016

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Sport

06.08.2016

Ecco Rossi, Pellielo e Fabrizi
L’Italia mira subito in alto

Jessica Rossi, olimpionica in carica nella fossa olimpicaGiovanni PellieloMassimo Fabrizi
Jessica Rossi, olimpionica in carica nella fossa olimpicaGiovanni PellieloMassimo Fabrizi

RIO DE JANEIRO

È un tris da podio da giocarsi in due giorni. L’Italia del tiro a volo è, con gli Usa, la maggiore potenza mondiale di questo sport e tradizionale «fornitrice» di medaglie ai Giochi olimpici. Non può quindi smentirsi a Rio, dove tra domani e lunedì si svolgono le finali della Fossa olimpica, prima donne e poi uomini, in cui la spedizione targata Coni può contare su tre autentici pezzi da novanta.

APRE JESSICA. Si comincerà con la gara femminile in cui l’Italia schiererà Jessica Rossi, campionessa olimpica in carica. A Londra era una ragazzina, ma già la grande favorita e rispettò il pronostico grazie a dei nervi d’acciaio, per poi dedicare l’oro ai terremotati della sua Emilia Romagna. Nella fossa uomini gli azzurri impegnati saranno Giovanni Pellielo, veterano della spedizione italiana a Rio con i suoi 46 anni, alla settima partecipazione ai Giochi e già medagliato tre volte (2 argenti e un bronzo tra il 2000 e il 2008).

È stato anche pluricampione del mondo e per coronare una carriera da sogno gli manca solo l’impresa più bella, quell’oro olimpico che a Londra 2012 venne sfiorato dal carabiniere Massimo Fabbrizi, battuto soltanto allo spareggio dal croato Giovanni Cernogoraz.

Nel frattempo le regole del tiro sono cambiate, e adesso dopo le eliminatorie si riparte da zero fino al «medal match» per l’oro: gli azzurri, pur non gradendo la novità, hanno continuato a essere super competitivi. Basti pensare all’argento mondiale di Pellielo l’anno scorso a Lonato e ai trionfi europei suoi e di Fabbrizi. La Rossi è stata meno efficace ma ha meritato comunque la chiamata per i Giochi carioca, nonostante la carta olimpica per l’Italia fosse stata ottenuta da un’altra tiratrice, Silvana Stanco.

E SAN MARINO SOGNA. Italiane di nascita sono anche le sorelle Perilli, Arianna ed Alessandra, che però qui gareggiano per San Marino e con possibilità di medaglia, che sarebbe la prima olimpica per la piccola Repubblica. Intanto Alessandra ha già vinto in Coppa del mondo a Nicosia. In attesa della gara Rossi, Fabbrizi e Pellielo si allenano sotto l’occhio del ct Albano Pera e all’unisono dicono che «dipendiamo solo da noi stessi». «Non penso alle rivali», dice la Rossi, «ma solo a me. Sto bene, e in pedana sarò da sola con i piattelli. I conti si faranno alla fine».

«Belle sensazioni», garantisce di averle anche Pellielo, consapevole di aver «fatto tutto ciò che potevo. Per questo mi sento sereno e felice per essere qui a disputare un’Olimpiade a 46 anni quando in altri sport sei già vecchio a 30. Anch’io temo principalmente me stesso. Sono molto... pericoloso ma sono pronto a confrontarmi col mio alter ego e se lo batto frantumo ogni piattello».

TAPPA NELLE FAVELAS. Il religiosissimo Pellielo, che in caso di medaglia vuole regalarsi un’escursione alla favela di Rocinha, è anche uno che sa dare il giusto peso alle cose. «Ho pianto per delle sconfitte», dice, «ma quello è stato lo sfogo momentaneo per una delusione agonistica. Mancare di nuovo l’oro mi dispiacerebbe, ma altro turba l’esistenza. Prendersela sarebbe un’offesa al mondo che sta intorno, ad esempio la gente delle favelas».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1
Sommario
Tra arte e carnevale
la festa di chiusura
di Rio 2016
Rio 2016, l'Italia
torna a casa
con otto ori
Bolt oro "bis" nei 200
Entra nella leggenda
«Io come Ali e Pelé»
Viviani d'oro a Rio
E Vallese in festa
sfoggia il tricolore
Tiro a volo,
Innocenti
è d'argento


Si ferma all'argento
il sogno
di Nicolai e Lupo
Di Francisca
conquista l'argento
nel fioretto

Phelps leggendario
A 31 anni vince
il ventunesimo oro
Fede: «No ai 100»
E niente finale
anche nella 4x200
Rio, la Pellegrini
agguanta la finale
dei 200 stile libero
Tiro a volo, Pellielo
spareggio d'argento
«A Tokyo riprovo»
Olimpiadi di Rio,
Campriani è oro
nella carabina
La vendetta d'oro
di Garozzo,
fioretto siciliano
Domenica
spaziale
Basile, judo d'oro
«La mia arma?
La sofferenza»
Basile fenomeno del tatami
Italia, è il trionfo numero 200
Tania e Francesca
tuffi d'argento
«Unite siamo forti»
Tania e Francesca, lacrime di gioia
Trampolino d’argento per le azzurre
Longo Borghini, un bronzo pieno di gioia
Pallavolo a Rio
Esordio ok
per gli azzurri
Il sogno di Federica
«Voglio la medaglia
e una foto con Bolt»
Nibali corre
per l’oro, ma
occhio ad Aru
Schwazer, il test
è negativo. Ora dovrà
convincere il Tas
Da Fabio Aru alla
Zublasing. Riflettori
sui sogni azzurri
Scartezzini acciuffa i Giochi
«Grande sorpresa, un sogno»
Scarantino ci crede:
«Tutto può succedere»
Giochi, inno alla vita
con colori e suoni
del Brasile che sogna
Musica, colori, energia
Vanderlei eroe di Rio
Trasher, che urlo:
agli Usa il primo oro
Esulta il Vietnam
Le barche azzurre volano in semifinale
La Fiamingo seconda
ad un soffio dall'oro
Il titolo va alla Szasz
Nibali è un leone sfortunato
Si sgretola il sogno azzurro
Ecco Rossi, Pellielo e Fabrizi
L’Italia mira subito in alto

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
51
Juventus
50
Inter
42
Lazio
40
Roma
39
Sampdoria
30
Atalanta
30
Fiorentina
28
Udinese
28
Torino
28
Milan
28
Bologna
24
Chievoverona
22
Genoa
21
Sassuolo
21
Cagliari
20
Spal
15
Crotone
15
Hellas Verona
13
Benevento
7
Benevento - Sampdoria
3-2
Cagliari - Juventus
0-1
Chievoverona - Udinese
1-1
Fiorentina - Inter
1-1
Genoa - Sassuolo
1-0
Milan - Crotone
1-0
Napoli - Hellas Verona
2-0
Roma - Atalanta
1-2
Spal - Lazio
2-5
Torino - Bologna
3-0