Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 gennaio 2018

Rio 2016

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Sport

08.08.2016

Domenica
spaziale

RIO DE JANEIRO

«Chi se ne frega se non sono stato io a vincere la medaglia d’oro numero 200: godo lo stesso». Non poteva festeggiare meglio di così il fiorettista Daniele Garozzo da Acireale, provincia di Catania a due passi dalla Acitrezza dei Malavoglia, che tre giorni dopo il compimento dei suoi 24 anni si regala la gioia più grande della sua ancora acerba carriera, illuminata lo scorso anno da un argento agli Europei.

Mezzora dopo la prima medaglia d’oro del judoka Basile, la 200 nella storia olimpica azzurra, questo siciliano classe ’92, infilza il secondo trionfo a cinque cerchi per la spedizione italiana.

Una conferma della bontà della scherma azzurra, dopo l’argento della Fiamingo nella spada, che alle Olimpiadi, aveva ammesso al suo arrivo in Brasile, «non partecipa per fare esperienza ma solo per vincere». Garozzo ha battuto in finale lo statunitense Massialis 15-11 ottenendo il settimo podio in due giorni per l’Italia, il 123esimo della scherma italiana, leader incontrastata del medaglie di specialità.

È la 21esima medaglia del fioretto maschile, l’ultima d’oro risaliva addirittura a vent’anni fa con Puccini.

Un successo che vendica il cocente ko del compagno di squadra Avola, bruciato dall’americano in rimonta mentre l’azzurro vinceva 14-8. Ed è un successo che proietta l’Italia momentaneamente al secondo posto del medagliere, dietro la sola Australia. Almeno fino alla mezzanotte italiana di ieri.

«Non sono la duecentesima medaglia d’oro? E chissene....», commenta scanzonato a chi gli comunica che mezz’ora prima di lui, Fabio Basile sul tatami gli ha strappato lo storico traguardo.

Fratello minore dello spadista Enrico (pure lui in gara a Rio), Garozzo ha cominciato a tirare nel Centro scherma Acireale con il maestro Mimmo Patti. Ora è tesserato per le Fiamme Gialle ma fa capo al Centro scherma Frascati, dove è seguito da Fabio Galli, suo maestro da 4 anni.

Una carriera giovanile entusiasmante, e ora a 24 anni la consacrazione che gli apre la porte dell’Olimpo.

«È stata una giornata record, un’emozione indescrivibile. Grazie ragazzi per le gioie che mi avete dato», ha confessato Giovanni Malagò festeggiando i suoi due primi ori da presidente del Coni.

Sul suo profilo twitter Malagò ha postato una foto, in cui viene ripreso abbracciato proprio a Daniele Garozzo, vincitore della prova olimpica di fioretto maschile.

«Grazie a Daniele Garozzo, che conquista l’oro nel fioretto individuale riportandolo in Italia dopo 20 anni, ricordando ancora una volta al mondo l’eccellenza della scuola siciliana della scherma», afferma in una nota anche Sergio D’Antoni, presidente del Coni Sicilia, commentando la medaglia d’oro conquistata dallo schermidore siciliano. «Quella di Daniele è la storia di una campione nato e cresciuto nella scuola siciliana, di un talento innato sostenuto da cuore, mente e tanto spirito di sacrificio. Qualità che ne fanno un esempio di abnegazione, correttezza e dedizione e un modello per tanti giovani. Un magnifico orgoglio isolano, a cui tutto il Paese oggi è grato», conclude D’Antoni.

Adesso il fresco trionfatore, prima della prova a squadra, proverà a rilassarsi con il suo secondo sport preferito, il calcio: «Non vedo l’ora di scendere sulla spiaggia di Copacabana, ho sempre sognato di giocare lì», ha ammesso.

E per il fiorettista siciliano i sogni spesso si realizzano.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1
Sommario
Tra arte e carnevale
la festa di chiusura
di Rio 2016
Rio 2016, l'Italia
torna a casa
con otto ori
Bolt oro "bis" nei 200
Entra nella leggenda
«Io come Ali e Pelé»
Viviani d'oro a Rio
E Vallese in festa
sfoggia il tricolore
Tiro a volo,
Innocenti
è d'argento


Si ferma all'argento
il sogno
di Nicolai e Lupo
Di Francisca
conquista l'argento
nel fioretto

Phelps leggendario
A 31 anni vince
il ventunesimo oro
Fede: «No ai 100»
E niente finale
anche nella 4x200
Rio, la Pellegrini
agguanta la finale
dei 200 stile libero
Tiro a volo, Pellielo
spareggio d'argento
«A Tokyo riprovo»
Olimpiadi di Rio,
Campriani è oro
nella carabina
La vendetta d'oro
di Garozzo,
fioretto siciliano
Domenica
spaziale
Basile, judo d'oro
«La mia arma?
La sofferenza»
Basile fenomeno del tatami
Italia, è il trionfo numero 200
Tania e Francesca
tuffi d'argento
«Unite siamo forti»
Tania e Francesca, lacrime di gioia
Trampolino d’argento per le azzurre
Longo Borghini, un bronzo pieno di gioia
Pallavolo a Rio
Esordio ok
per gli azzurri
Il sogno di Federica
«Voglio la medaglia
e una foto con Bolt»
Nibali corre
per l’oro, ma
occhio ad Aru
Schwazer, il test
è negativo. Ora dovrà
convincere il Tas
Da Fabio Aru alla
Zublasing. Riflettori
sui sogni azzurri
Scartezzini acciuffa i Giochi
«Grande sorpresa, un sogno»
Scarantino ci crede:
«Tutto può succedere»
Giochi, inno alla vita
con colori e suoni
del Brasile che sogna
Musica, colori, energia
Vanderlei eroe di Rio
Trasher, che urlo:
agli Usa il primo oro
Esulta il Vietnam
Le barche azzurre volano in semifinale
La Fiamingo seconda
ad un soffio dall'oro
Il titolo va alla Szasz
Nibali è un leone sfortunato
Si sgretola il sogno azzurro
Ecco Rossi, Pellielo e Fabrizi
L’Italia mira subito in alto

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
51
Juventus
50
Inter
42
Lazio
40
Roma
39
Sampdoria
30
Atalanta
30
Fiorentina
28
Udinese
28
Torino
28
Milan
28
Bologna
24
Chievoverona
22
Genoa
21
Sassuolo
21
Cagliari
20
Spal
15
Crotone
15
Hellas Verona
13
Benevento
7
Benevento - Sampdoria
3-2
Cagliari - Juventus
0-1
Chievoverona - Udinese
1-1
Fiorentina - Inter
1-1
Genoa - Sassuolo
1-0
Milan - Crotone
1-0
Napoli - Hellas Verona
2-0
Roma - Atalanta
1-2
Spal - Lazio
2-5
Torino - Bologna
3-0