Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Sport

Chiudi

02.12.2016

Rosberg, ritiro
dopo il trionfo
«Sono in vetta»

Rosberg dopo la vittoria del Mondiale
Rosberg dopo la vittoria del Mondiale

Nico Rosberg ha realizzato il sogno della sua vita, vincere il titolo mondiale di Formula 1, ma anche quello di ritirarsi. Ha deciso che è arrivato il tempo di pensare alla propria famiglia.

Alla moglie Vivian che tanto l’ha aiutato e si è sacrificata per permettergli di scalare la sua montagna e raggiungere la cima, pensando anche alla loro figlioletta.

Ora che c’è riuscito ed ha respirato l’aria rarefatta di chi è in vetta al «suo» mondo ha capito che era già tempo di svoltare l’angolo e vedere cosa di nuovo gli potrà riservare la vita.

 

Venticinque anni di carriera, a quanto pare, hanno pesato molto sulla sua decisione a sorpresa. In un discorso emotivo prima del premio 2016 FIA a Vienna, il neo campione del mondo ha rivelato le ragioni della sua decisione, che è stato raggiunto in seguito al coronamento del suo sogno ad Abu Dhabi domenica scorsa.

Nico ha partecipato a un totale di 206 Gran Premi e ne ha vinti 23, un risultato che lo pone al 12° posto nella graduatoria di tutti i tempi insieme a Nelson Piquet. Ha segnato 30 pole position (ottavo di tutti i tempi, ndr) e 20 giri più veloci.

Domenica scorsa ad Abu Dhabi, è diventato anche il primo pilota tedesco a vincere un campionato del mondo di Formula Uno al volante di una Mercedes-Benz.

 

«Da 25 anni nelle corse, è stato il mio sogno, "l’unica cosa" di diventare campione del mondo di Formula Uno. Attraverso il duro lavoro, il dolore, i sacrifici, questo è stato il mio obiettivo. E ora ce l’ho fatta. Ho scalato la mia montagna, io sono sulla vetta, quindi questo è quello che sento. La mia emozione più forte in questo momento è profonda gratitudine a tutti coloro che mi hanno sostenuto per fare in modo che quel sogno accadesse» ha detto il pilota tedesco. «Questa stagione, vi dico, è stato così dannatamente difficile. Ho spinto come un matto in ogni area, dopo le delusioni degli ultimi due anni; hanno alimentato la mia motivazione a livelli che non avevo mai sperimentato prima. E, naturalmente, questo ha avuto un impatto su quelli che amo, troppo - è stato un intero sforzo per tutta la famiglia di sacrificio, mettendo tutto alle spalle davanti sl nostro obiettivo. Non riesco a trovare parole sufficienti per ringraziare mia moglie Vivian; lei è stata incredibile. Ha capito che questo anno è stato uno dei grandi, la nostra opportunità di farlo, e ha creato lo spazio per me per ottenere il pieno recupero tra ogni gara, cercando dopo la nostra figlia ogni sera, presa in consegna quando le cose sono difficili e mettere al primo posto il nostro campionato» spiega il neo campione del mondo.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
12
Spal
9
Napoli
9
Sampdoria
7
Fiorentina
7
Sassuolo
7
Genoa
6
Lazio
6
Roma
5
Torino
5
Udinese
5
Cagliari
5
Atalanta
4
Inter
4
Milan
4
Empoli
4
Parma
4
Bologna
1
Frosinone
1
Chievoverona
-1
Cagliari - Milan
1-1
Empoli - Lazio
0-1
Frosinone - Sampdoria
0-5
Genoa - Bologna
1-0
Inter - Parma
0-1
Juventus - Sassuolo
2-1
Napoli - Fiorentina
1-0
Roma - Chievoverona
2-2
Spal - Atalanta
2-0
Udinese - Torino
1-1