Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 giugno 2018

Sport

Chiudi

31.12.2017

Zuculini di corsa verso la salvezza «C’è tanto tempo, siamo ancora lì»

Dybala segna con il destro la rete che chiude definitivamente la partita Kean ha sprecato una grande occasione per il vantaggio gialloblùSolita dose di corsa e grinta per Bruno Zuculini FOTOSERVIZIO EXPRESS
Dybala segna con il destro la rete che chiude definitivamente la partita Kean ha sprecato una grande occasione per il vantaggio gialloblùSolita dose di corsa e grinta per Bruno Zuculini FOTOSERVIZIO EXPRESS

Luca Mazzara Il cuore non basta. La grinta serve fino ad un certo punto, perchè poi le gambe iniziano a perdere colpi e dall’altra parte la Juve trova i colpi di un Dybala che fino a quel momento sembrava non essere nemmeno sceso in campo. «Lui è un fenomeno, i campioni a volte sono così, quasi non lo vedi e poi in pochi minuti ti cambiano la partita», l’ammissione a fine gara di Bruno Zuculini che dispensa elogi al talento bianconero, ma che ammette le colpe di un Verona che aveva accarezzato il sogno di fare uno sgambetto ai campioni d’Italia in carica. «Abbiamo tenuto bene per 70, 75 minuti», continua il centrocampista argentino, «e contro la squadra che ha vinto l’ultimo campionato non è cosa poco, purtroppo poi abbiamo mollato e loro hanno trovato due gol in poco tempo». Più un problema fisico o un calo mentale come spesso è accaduto in questo girone di andata. «Credo ci sia stato sia un calo fisico ed anche mentale, probabilmente abbiamo pagato lo sforzo. Dopo il pareggio di Caceres eravamo tornati pienamente in partita, peccato perchè poi con Moise - Kean - avevamo anche avuto l’occasione di raddoppiare e portarci avanti». CHE PECCATO. Forse sarebbe stato anche troppo, di certo l’Hellas avrebbe dovuto provare a tenersi stretto maggiormente un risultato preziosissimo per la classifica e soprattutto per il morale di Caracciolo e compagni. «Non dobbiamo più fare passaggi a vuoto come contro l’Udinese, e in questa gara l’abbiamo dimostrato: siamo scesi in campo con un atteggiamento completamente diverso, peccato perchè davvero abbiamo sbagliato soltanto pochi minuti». La salvezza però rimane a due punti di distanza. «Manca ancora un intero girone, c’è tanto tempo», avverte il più giovane dei fratelli Zuculini che è riuscito anche a giocare qualche minuto di fianco a Franco, «e con una vittoria si rientra subito in gioco, ripeto l’importante è non farsi prendere dall’ansia e non cadere in passaggi a vuoto come quello di Udine, giornate così non devono accadere mai più». In curva Sud sono spuntati anche due striscioni inequivocabili all’indirizzo di Fabio Pecchia e di Filippo Fusco, che invitavano ancora una volta ad andarsene il tecnico e il direttore sportivo gialloblù, due che hanno dato sempre grande fiducia proprio al mediano argentino. FUSCO E PECCHIA. «Quando scendo in campo penso solo a quello, a rincorrere palloni e avversari e sentire la gente, non alzo lo sguardo», spiega Zuculini, «però se ci sono questi pensieri mi dispiace, sono due persone che lavorano tanto per il Verona. La gente deve stare tranquilla perchè ripeto tempo ne abbiamo per tornare in zona salvezza, bisogna stare tutti uniti». L’ULTIMA DI CACERES?. Adesso però arriva un periodo complicato come quello del mercato invernale, che rischia di allontanare da Verona Giampaolo Pazzini e Martin Caceres, autore tra l’altro di una splendida prestazione condita da un gol contro la sua ex squadra. Ma proprio Caceres sembra ormai destinato a vestire presto la casacca della Lazio, come suggerito dalle parole di Simone Inzaghi nei giorni scorsi e da quelle dell’esperto di mercato Gianluca Di Marzio che indica la gara di Napoli come l’ultima di Caceres in gialloblù. E anche Zuculini sembra avere poche speranze di giocare ancora con il difensore uruguaiano. «Sarebbe bello riuscire a trattenerlo ancora con noi», l’ammissione del centrocampista dai mille polmoni, «ma temo anch’io che quella con il Napoli possa essere la sua ultima partita con la maglia del Verona». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0